Home / SANITÀ SALUTE BENESSERE / CORONAVIRUS / 26 Dicembre Santo Stefano in Zona Rossa, cosa posso fare?

26 Dicembre Santo Stefano in Zona Rossa, cosa posso fare?

Le regole in vigore per la giornata di oggi dalla ristorazione agli spostamenti e fino alle visite a parenti e amici.


Sabato 26 dicembre 2020 è un giorno delle festività natalizie per il quale il Dpcm Natale prevede un regime di Zona Rossa in Tutta Italia.

Una misura già valida anche per la vigilia e per il Natale e imposta allo scopo di contenere il contagio di Covid-19.

Le regole in vigore condizionano e non poco i comportamenti quotidiani dei cittadini che devono rispettarle.

Ristoranti, bar e affini

Ad esempio, nell’ambito della ristorazione, anche oggi non è consentito mangiare al ristorante ed è vietata la colazione al bar.

Ovviamente, è comunque possibile ordinare cibo e bevande e chiedere di consegnarle a casa in qualsiasi momento.

Fino alle 22, quando poi scatta il coprifuoco, è invece possibile usufruire del servizio di asporto nei ristoranti, bar e affini che offrono questo servizio.

Posso andare a Messa?

Per quanto riguarda le funzioni religiose, è possibile andare a messa ma scegliendo comunque la Chiesa più vicina a casa propria.

Posso fare attività fisica?

Capitolo attività fisica: con il regime di Zona Rossa è possibile fare una passeggiata, ma non bisogna allontanarsi dalla propria via o quartiere e indossare sempre la mascherina.

Consentita anche la classica “corsetta”, purché effettuata in solitaria.

Per tutte queste attività è necessaria l’autocertificazione da mostrare in caso di controllo delle forze dell’ordine.

Spostamenti

Gli spostamenti sono proibiti, anche all’interno del proprio comune.

Fanno eccezione, come sempre, gli spostamenti dettati da comprovati motivi di lavoro, salute, necessità e per tornare alla propria residenza o domicilio.

Per questi movimenti, bisogna sempre avere con sé l’autocertificazione.

Deroghe spostamenti

Esistono dei casi particolari che consentono di derogare alle limitazioni ferree sugli spostamenti e valide dal 24 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021.

È sempre consentito a un massimo di due persone più figli minori di 14 anni, disabili e persone non autosufficienti che vivono con loro di muoversi una sola volta al giorno.

Questi spostamenti sono consentiti per andare a trovare parenti o amici (vedi dopo) anche in un Comune diverso da quello di residenza, purché sempre nella stessa regione e sempre nel limite massimo di due persone.

Chi vive in un comune con meno di 5mila abitanti, nei giorni indicati con l’arancione durante le feste di Natale (28-29-30 dicembre e 4 gennaio) può sconfinare in un’altra Regione, ma entro 30 chilometri dalla propria residenza e senza andare verso i capoluoghi di provincia.

Restano consentiti gli incontri tra i coniugi e i partner che vivono separati per motivi di lavoro se il luogo per il ricongiungimento è quello in cui c’è residenza, domicilio o abitazione.

E sono consentiti anche gli spostamenti dei genitori separati, che possono andare a trovare i figli anche in un’altra Regione o all’estero: rientra tra i motivi di necessità, così come lo è l’assistenza ai genitori non autosufficienti.

Visite a familiari, parenti, amici

In regime di Zona Rossa, le viste sono consentite, ma una sola volta al giorno e solo all’interno della stessa Regione, dalle 5 alle 22 e nel limite massimo di due persone e con figli con meno di 14 anni e soggetti disabili o non autosufficienti.

Concesso inoltre visitare un parente non autosufficiente che vive da solo, anche fuori regione, se non è possibile assicurargli assistenza da soggetti presenti nello stesso comune o regione. Possono andare solo le persone strettamente necessarie ad assisterlo.

Non è consentito, di contro, andare a trovare parenti, come i genitori, che vivono fuori regione e si trovano in buona salute.

Seconde case

Ci si può ancora spostare nella seconda casa?

Possono andare nella seconda casa di proprietà i nuclei famigliari che ne possiedono una nella Regione in cui vivono. Possono andarci dalle 5 alle 22.

Tutti gli altri casi non sono consentiti.


About Redazione

Tutti gli articoli frutto delle richieste di diffusione di comunicati stampa sono curati dalla Redazione di www.infopinione.it. Mail to: redazione@infopinione.it

Check Also

Perrotta sindaco scalea omicidio suicidio

Omicidio suicidio Scalea, Perrotta: “Comunità scossa”

Così il sindaco di Scalea Giacomo Perrotta dopo l’omicidio suicidio avvenuto nella notte in via …

One comment

  1. Eleuterio Piazza

    io e la mia famiglia siamo andati a trovare i parenti a Natale
    deciso su questo solo perché tutti erano sani