Home / IN PRIMO PIANO / Informazione e Meridione, scocca L’Ora del Sud

Informazione e Meridione, scocca L’Ora del Sud


Online e presto su carta un nuovo giornale dedicato ai temi irrisolti della questione meridionale. Direttore, il giornalista Fabio Falabella.


L’Ora del Sud. Questo il nome del nuovo organo di informazione che appare sullo scenario dell’informazione italiana all’alba del nuovo anno.

“Nel tempo inesorabile che volge a Mezzogiorno, all’alba dell’anno 2021, nasce un nuovo giornale con il cuore in Basilicata, la testa in Campania e lo sguardo indirizzato alle regioni del Meridione d’Italia” si legge in un comunicato.

Si tratta di un periodico digitale (Oradelsud.it), fondato e diretto dal giornalista napoletano Fabio Falabella, lucano di origini e di adozione. Sarà affiancato dalle responsabili di redazione, le giornaliste professioniste Margherita Agata (da Matera) e Manuela Giuliano (da Napoli).

L’Ora del Sud, per il momento è presente online, ma il progetto vedrà il compimento con l’uscita nelle edicole della sua versione cartacea.

Questo giornale “ha l’intenzione di raccontare, approfondire e commentare fatti e accadimenti di portata locale, nazionale e internazionale inquadrati dalla prospettiva privilegiata di chi li osserva dai Sud del mondo.

Un foglio – spiega Falabella – che ha l’ambizione di eccedere il paradigma dominante di produzione e fruizione tipico delle breaking news, in cui le notizie sono derubricate a merce di consumo finalizzata esclusivamente o quasi alla messa a valore attraverso la raccolta pubblicitaria, sovente distorte in maniera strumentale a uso politico.

Con il proposito di offrire ai lettori una informazione seria, credibile, fondata, ragionata, meditata e condivisa sulle questioni di più stretta attualità o di ineludibile importanza, a cominciare da quella Meridionale, che consideriamo tuttora irrisolta”.

Ancor prima della diffusione dei primi contenuti, i colleghi di OdS snocciolano il loro manifesto.

Sarà un giornale “progressista, antirazzista, antifascista e anti-sessista, schierato in modo convinto sul versante della libertà intellettuale”.

E ancora, temi dominanti saranno il rispetto e la valorizzazione delle differenze, i bisogni di tutte e di tutti.

“Vogliamo essere – spiegano – un megafono per coloro che sono ai margini e delle interpretazioni che spesso restano senza voce, per costruire comunità più inclusive e solidali, nella speranza che si possa immaginare una società più giusta, migliore”.

La lotta a “tutte le mafie” sarà anche un tema portante della neonata pubblicazione.

“Una priorità assoluta ed imprescindibile, perché crediamo fermamente e senza facili banalizzazioni evocative sia giunta, sia sempre, l’ora di un riscatto culturale, sociale, economico“.

Oltre all’auspico di attrarre col tempo altre prestigiose firme sulle sue pagine cartacee e virtuali, L’Ora del Sud punterà da subito alla comunicazione smart e diffusa nella rete, dando vita da subito ai relativi account Facebook e Twitter.

“E con l’augurio sincero – chiude Fabio Falabella -, per chi vorrà seguirci, di una buona e gratificante lettura, senza dimenticare un grazie sentito a chi ha reso possibile questo progetto impegnandosi con professionalità e abnegazione affinché vedesse la luce.

Un sogno collettivo a occhi aperti, che perciò riteniamo abbia ancora più dignità e ragion d’essere e che desideriamo possa avere un futuro radioso“.

Ai colleghi de L’Ora del Sud, e in particolare al suo direttore responsabile per l’importante compito a cui è chiamato, gli auguri di buon lavoro della redazione di Infopinione.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Meteo allerta rossa sul Tirreno cosentino, scuole chiuse: ecco dove

Previsioni: piogge diffuse e temporali per sabato 27 novembre 2021. I sindaci corrono aI riparI …