Home / IN PRIMO PIANO / Ospedale di Lagonegro, il primo nato del 2021 è… di Maierà

Ospedale di Lagonegro, il primo nato del 2021 è… di Maierà


Nell’anno appena conclusosi 749 parti nella struttura sanitaria lucana diventata con gli anni di riferimento anche per l’Alto Tirreno cosentino.


E’ di Maierà il primo bambino nato nell’ospedale di Lagonegro nel 2021.

Nicolò, questo il nome scelto dai genitori, è venuto alla luce intorno alle 10 del 1° gennaio.

Per quanto riguarda la Basilicata, è stato preceduto da Vito, fiocco azzurro di Avigliano che è nato 11 minuti dopo la mezzanotte al “San Carlo” di Potenza.

Sono 749 i bambini nati nel 2020 all’ospedale di Lagonegro. 273 in più rispetto all’anno precedente.

I dati sono stati recentemente resi pubblici ed evidenziano un risultato interpretato come positivo per la struttura sanitaria di riferimento per l’area Sud della provincia di Potenza.

Come è noto, a quel dato ha contribuito anche il territorio dell’Alto Tirreno cosentino, in particolar modo i centri prossimi al confine con la Basilicata: Tortora e Praia a Mare.

Il territorio, infatti, ha da tempo iniziato a guardare all’ospedale di Lagonegro per i parti, e non solo, dopo la chiusura del reparto di Ginecologia e Pediatria a Praia a Mare, avvenuta nel 2008.

Ma, come dimostra il caso del piccolo Nicolò, la scelta sulla sanità lucana interessa anche i centri distanti dal confine tra le due regioni. Maierà, infatti, dista dall’ospedale di Lagonegro circa 60 chilometri, per coprire i quali si impiega circa un’ora in auto.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Meteo allerta rossa sul Tirreno cosentino, scuole chiuse: ecco dove

Previsioni: piogge diffuse e temporali per sabato 27 novembre 2021. I sindaci corrono aI riparI …