Home / SANITÀ SALUTE BENESSERE / CORONAVIRUS / Scuole chiuse Calabria, genitori presentano ricorso

Scuole chiuse Calabria, genitori presentano ricorso


Azione al Tribunale amministrativo regionale per scongiurare la Didattica a distanza partita oggi in tutta la regione. L’ira del leghista Spirlì.

lido azzurro calabria santa maria cedro mare

Alcuni genitori di alunni calabresi hanno presentato ricorso contro l’ordinanza con la quale il presidente ff della Regione Calabria, il leghista Nino Spirlì, ha mantenuto chiuse le scuole a partire da oggi.

Sta quindi per riproporsi uno scenario già visto lo scorso autunno in occasione di una ordinanza molto simile a quella attuale.

A novembre 2020, il Tribunale amministrativo regionale della Calabria aveva poi dato ragione ai genitori ricorrenti, in particolare del comune di Paola.

C’è da dire che la didattica in presenza in Calabra è al momento limitata a un orizzonte temporale molto breve: fino al 15 gennaio 2021 per elementari e medie, fino a fine mese per le superiori.

Del resto le cose potrebbero cambiare con il varo del Dpcm di gennaio e i tempi che serviranno per portare i ricorsi al Tar potrebbero essere superiori a quelli necessari a fissare nuove regole per il ritorno tra i banchi da parte del governo.

Tuttavia c’è da segnalare che in merito il leghista Spirlì non ha perso occasione per apostrofare i cittadini che, a giusta ragione o a torto, hanno deciso di esercitare il diritto del ricorso all’autorità giudiziaria competente in materia di atti della Pubblica amministrazione.

“Quello in atto – ha detto – è un giochino che sta mettendo a durissima prova la tenuta psicologica delle persone.

Qui non c’è una responsabilità della Giunta regionale o della politica, qui c’è qualcuno che mira ad andare contro il buonsenso, in un momento in cui si registrano moltissimi casi di positività in tutti i comuni della Calabria.

Chi ha presentato questo ricorso dovrà dare spiegazioni alle decine di migliaia di genitori che non vogliono che i loro figli seguano la didattica in presenza.

Cosa succederà se i ragazzi dovessero contagiarsi nel tragitto casa-scuola e dovessero infettare le persone care”?


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

san sago consiglio tortora

San Sago, il Comune di Tortora fa pressione su Regione Basilicata e Calabria

A Potenza chiesto di rivedere le proprie decisioni in favore della Cogife. A Catanzaro che …

error: Materiale protetto da copyright