Home / SANITÀ SALUTE BENESSERE / CORONAVIRUS / Caso Cesareo, l’auto aziendale Asp per andare all’Ikea

Caso Cesareo, l’auto aziendale Asp per andare all’Ikea


Secondo gli investigatori il direttore dello Spoke Paola Cetraro utilizzava la vettura aziendale per fini personali. Sotto indagine da circa un anno.

aronne pasticceria marcellina santa maria cedro calabria

Con l’auto dell’Asp di Cosenza Vincenzo Cesareo andava anche all’Ikea di Salerno a far compere.

E’ quanto sostengono i carabinieri del Nas che per circa un anno hanno indagato per conto della procura di Paola sul direttore dello Spoke Cetraro Paola.

Cesareo è stato oggetto anche di intercettazioni telefoniche e ambientali, oltre che di servizi di osservazione e pedinamento.

Gli investigatori avrebbero quindi raccolto elementi sufficienti per accusarlo di peculato.

L’utilizzo indebito dell’automobile aziendale, in uso all’ospedale Iannelli di Cetraro, è stato reso noto dai Nas attraverso alcuni esempi.

Cesareo “accompagnava amici e parenti in aeroporto, si recava a fare acquisti presso il centro commerciale Ikea di Salerno, portava a pranzi e cene, anche fuori regione, i propri familiari e altri soggetti a lui legati da vincoli personali, talune volte anche pernottando presso strutture alberghiere”.

Come scritto in precedenza, Vincenzo Cesareo sarebbe accusato anche di aver somministrato dosi del vaccino anti Covid-19 a persone a lui amiche, eludendo quindi – si presume – la priorità data in questa prima fase della campagna vaccinale al personale sanitario.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Reddito di cittadinanza: cerco lavoro da due anni, ma sono troppo qualificato

Una storia reale dal Tirreno cosentino. Una come tante, infarcita di delusione e rabbia. “Mi …