Home / IN PRIMO PIANO / Food Calabria, tra Grani antichi e Mulini a pietra

Food Calabria, tra Grani antichi e Mulini a pietra


Su proposta di Acli Terra Calabria nasce una comunità che aggrega operatori sociali e imprenditori interessati alla valorizzazione alimentare.


E’ nata la Comunità dei grani antichi e dei mulini a pietra.

La proposta arriva da Acli Terra. Si propone la promozione, la valorizzazione dei grani e semi antichi e dei mulini storici a pietra attivi.

E ancora: dei forni civici, comunali e di comunità, dei grani identitari delle produzioni sostenibili, la produzione tradizionale delle farine e la valorizzazione dell’alimentazione e della dieta mediterranea.

SEGUI INFOPINIONE SU TELEGRAM

“Grazie a questo importante organismo associativo – dicono i promotori – si farà nascere un impianto socio-economico con brand dei grani e dei mulini a pietra, sviluppando di conseguenza economia e nuovo lavoro”.

A coordinare i lavori dell’associazione saranno il presidente Umberto Salatino, il vice presidente Valerio Caparelli, il tesoriere Antonio Di Cello e il segretario Andrea Casile.

Il gruppo costituente della Comunità è composto anche da: Giuseppe CampisiSantina BrunoVittoria CaputoGiorgio DuranteVincenzo SerraGiuseppe PanarelloRomolo PiscioneriPiero Renda e Giovanni Villella.

“Oltre ai principali obiettivi statutari – ancora Acli Terra -, considerando il rispetto del territorio e l’agro-biodiversità a rischio di estinzione ed erosione genetica, oltre la produzione delle farine di alta qualità macinate a pietrarafforzando la valorizzazione di una sana e salutare alimentazione e della dieta mediterranea, i componenti si propongono di promuovere un’agricoltura sociale-sostenibile.

Con il contributo dei suoi qualificati associati, la Comunità si impegnerà a promuovere e realizzare la costituzione in rete dei mulini storici a pietra di Calabria con più di 100 anni o che siano in attività dal terzo passaggio generazionale, finalizzata alla crescita di un’economia locale di comunità, e a favorire la nascita di un monte dei semi, luogo di custodia e tutela, attraverso il quale moltiplicare la conservazione, l’inventario e la divulgazione e la qualità dei semi, quale patrimonio e bene culturale.

Non secondario come obiettivo da perseguire, si punterà alla costituzione di una filiera-consorzio regionale dei prodotti da forno, pane, pasta, antiche varietà di grani locali tradizionali e/o biologici, nonché un marchio regionale identitario con relativo disciplinare unico della produzione che impegni la filiera delle aziende agricole, mulini a pietra, pastifici, panifici e biscottifici.

L’associazione intende promuovere l’economia locale sostenibile delle aree interne, attraverso l’autoimprenditoria agricola e artigianale, pensando alla creazione di nuove opportunità lavorative attraverso l’impresa artigiana e il recupero di antichi mestieri.

Tra gli obbiettivi, anche sensibilizzare la collettività, in particolare le nuove generazioni, ad una corretta alimentazione e al consumo di prodotti locali, anche in collaborazione con gli istituti scolastici.

Strutturare e attivare azioni, finalizzate allo sviluppo socio-economico del territorio, partecipando alla nascita dei Distretti del Cibo. s

Sostenere i processi di internazionalizzazione delle aziende e delle produzioni e il censimento sui mulini a pietra in Calabria.

Accompagnare l’organizzazione di attività formative e seminariali in materia di marketing enogastronomico, urbano e territoriale attraverso il cibo di qualità.

Promuovere la creazione di un sistema ecomuseale del grano, dei semi, del pane e dei mulini, favorire una mirata azione produttiva, facendo uso di semi e sementi per mitigare lo spopolamento delle aree interne e marginali.

Sottoscrivere patti con comuni, strutture territoriali delle aziende sanitarie, Università e Istituti di Ricerca, nonché con Istituti Tecnici Superiori e Distretti del Cibo che abbiano attinenza con le finalità dell’associazione, in particolare per preservare la biodiversità, l’ambiente, la salute umana e animale”.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Giro d’Italia 2022 in Rivera dei Cedri, il comitato di tappa di Diamante sui sopralluoghi odierni

Visitata la location della partenza della tappa che il 13 maggio 2022 partirà dalla Città …