Home / SANITÀ SALUTE BENESSERE / CORONAVIRUS / Basilicata Area Rossa, Bardi: “Non è colpa dei comuni, vicino ai sindaci”

Basilicata Area Rossa, Bardi: “Non è colpa dei comuni, vicino ai sindaci”


Dichiarazioni del governatore lucano dopo lettera dei sindaci. Nelle ore scorse avevano fatto discutere frasi dell’assessore Leone.


La scelta di far scattare la Zona Rossa in Basilicata è dovuta esclusivamente all’aumento dell’indice Rt di contagio e alla presenza delle varianti, accertate anche in Lucania e che stanno portando l’Europa verso la terza ondata a distanza di un anno dalla prima“.

La dichiarazione del presidente della Giunta della Regione Basilicata, Vito Bardi, provano a rimettere un po’ di ordine dopo le frasi dell’assessore alla Sanità, Rocco Leone.

Quest’ultimo, aveva in sostanza scaricato sui focolai di alcuni comuni lucani la colpa delle nuove restrizioni per la regione che, lo ricordiamo, da domani sarà in Area Rossa.

Tra questi comuni, anche Maratea, dove nell’ultima settimana i positivi hanno sfiorato quota 100. Frasi che avevano quindi scatenato la reazione dei centri citati. Qui, avevamo raccolto la replica seccata del sindaco della Città del Cristo, Daniele Stoppelli.

Ora, come detto, Bardi fa chiarezza.

“Ho letto con grande attenzione la missiva che alcuni sindaci lucani mi hanno indirizzato – ha detto -, e la reputo condivisibile nell’analisi. Il lavoro dei primi cittadini, così come delle giunte e dei consigli comunali in questa fase, è fondamentale.

Da tempo, con altri colleghi Presidenti di Regione, stiamo segnalando con forza al Governo la necessità di rivedere parametri e algoritmi. Siamo fiduciosi che il nuovo esecutivo si muoverà in tal senso con maggiore sensibilità rispetto al precedente.

Ciò premesso, occorre ricordare che la nostra è la regione con la seconda percentuale più bassa d’Italia per il riempimento delle terapie intensive, nonostante un’età media molto alta, e siamo sotto la soglia di criticità su tutti gli altri parametri.

Il perimetro regionale è stato individuato come limitato e limitante nel contrasto al diffondersi della pandemia e questo è ancor più vero nella nostra regione, contraddistinta anche da una densità abitativa assai limitata.

Pertanto, facendo mie le giuste sollecitazioni dei sindaci – ha proseguito Bardi -, confermo che continuerà ad essere mia cura evidenziare le variabili geografiche e demografiche per limitare o rafforzare le restrizioni in base ai dati localizzati.

Siamo in un momento molto delicato, per questo colgo l’occasione per invitare la cittadinanza a comportamenti individuali responsabili e le istituzioni tutte ad affrontare questa fase in maniera unita.

È necessario che per l’Italia marzo sia caratterizzato come il mese dei vaccini. Il Governo deve dare un segnale forte in questo senso e dare gli strumenti a regioni e comuni per velocizzare il piano di immunizzazione.

Non solo – ha concluso Bardi -: occorre che siano stabiliti ed erogati senza ritardo adeguati ristori per tutte le attività colpite dalle restrizioni”.

ISCRIVITI AL CANALE TELEGRAM INFOPINIONE
E RESTA SEMPRE AGGIORNATO

Infopinione è gratis e lo sarà sempre. Da lettore puoi contribuire alla sua esistenza. CLICCA QUI o sul pulsante donazione che trovi qui sotto.



.

green multiservice disinfezione

About Redazione

Tutti gli articoli frutto delle richieste di diffusione di comunicati stampa sono curati dalla Redazione di www.infopinione.it. Mail to: redazione@infopinione.it

Check Also

Il caso Tortora, ecco perché ci sono ancora tanti positivi

Tempi mostruosi per l’esito dei tamponi e test persi per strada. Il sindaco Iorio intanto: …

error: Materiale protetto da copyright