Home / COMUNI / BELVEDERE / Katarion: le estorsioni agli imprenditori per gli affiliati in carcere

Katarion: le estorsioni agli imprenditori per gli affiliati in carcere


Dall’inchiesta emergono tentativi di spillare denaro ad attività di Scalea e Belvedere Marittimo, non andate a segno per le denunce dei commercianti.

aronne pasticceria marcellina santa maria cedro calabria

Due imprenditori del Tirreno cosentino hanno reagito ai tentativi di estorsione del clan Muto sporgendo denuncia ai carabinieri.

Dall’inchiesta Katarion emergono due casi risalenti al 2017, uno a Belvedere Marittimo e uno a Scalea, nei quali un uomo della consorteria di Cetraro cerca con la forza di ottenere soldi per sostenere gli affiliati sotto processo e in carcere.

In entrambi i casi è Franco Scorza, ora ai domiciliari, che si fa promotore delle tentate estorsioni aggravate dal metodo mafioso perché – sostengono gli inquirenti – ricollegabili a presunti crediti vantati da un esponente di spicco del clan.

OPERAZIONE KATARION CONTRO 44 INDAGATI: I NOMI

All’imprenditore di Belvedere Marittimo viene chiesta una somma di 20 mila euro per un presunto debito.

A quello di Scalea, invece, il pagamento di un quantitativo di merce che, in realtà, era già stata oggetto di accordo bonario per via della scarsa qualità di quanto consegnato.


About Pierina Ferraguto

Giornalista pubblicista dal 2013. Laureata in Filosofia e scienze della comunicazione e della conoscenza all'Università della Calabria. Dal 2006 al 2008 lavora come stagista nella redazione di Legnano de Il Giorno. In Calabria lavora con testate regionali di carta stampata e televisive.

Check Also

Laino Borgo, rischia di soffocare sullo scuolabus: bimba salvata da carabiniere forestale

Provvidenziale l’intervento del militare che insieme all’autista è riuscito a far respirare la piccola malcapitata.