Home / SANITÀ SALUTE BENESSERE / CORONAVIRUS / Gli “Altri” dei vaccini: la Commissione Antimafia vuole vederci chiaro

Gli “Altri” dei vaccini: la Commissione Antimafia vuole vederci chiaro


Sotto la lente i dati di Calabria, Sicilia, Campania e Valle d’Aosta. Il presidente Nicola Morra: “Quali criteri per organizzare questa categoria”?


Ma chi sono questi “Altri” che in Italia hanno ricevuto oltre 2 milioni di dosi del vaccino contro il Covid-19?

Questa domanda che serpeggia tra l’opinione pubblica da giorni se l’è posta anche la commissione parlamentare Antimafia.

L’attuale presidente, il senatore Nicola Morra, ha reso noto di aver chiesto chiarezza proprio sui vaccinati nella categoria Altro.

L’invito arriva all’indomani della audizione delle commissioni congiunte Anti ‘ndrangheta e Salute della Regione Calabria sul tema. Riunione – lo ricordiamo – disertata dal commissario della Sanità calabrese, Guido Longo.

Ricordiamo anche che proprio in Calabria le dosi somministrate agli appartenenti della categoria “Altro” hanno superato quelle somministrate agli operatori della Sanità e rivaleggiano per mole con quelle inoculate agli Over 80.

E la Calabria è tra le regioni che hanno maggiormente suscitato l’interesse della commissione parlamentare Antimafia con Sicilia, Campania e Valle d’Aosta.

ISCRIVITI AL CANALE TELEGRAM INFOPINIONE
E RESTA SEMPRE AGGIORNATO

“Guardate questi dati ufficiali – dice Morra -, forniti dal Governo sulle vaccinazioni.

Ci sono alcune regioni come Sicilia, Calabria, Campania e Valle d’Aosta che nella categoria Altro risultano avere numeri ben maggiori rispetto alla media nazionale.

Chi sono le così tante persone che ricadono nella categoria Altro in queste regioni?

Insieme al collega Paolo Lattanzio, coordinatore in Commissione antimafia del Comitato sulla prevenzione e repressione delle attività predatorie della criminalità organizzata durante l’emergenza sanitaria, abbiamo deciso di avanzare una richiesta per conoscere i criteri con cui è stata organizzata questa categoria.

Credo – ha poi aggiunto Morra – che gli italiani abbiano il diritto di sapere se è tutto nella norma o se ci sono zone d’Italia in cui si sono fatti passare avanti alcuni soggetti, a scapito di chi aveva il diritto di essere vaccinato prima.

E credo che sia dovere dello Stato fare una verifica su un dato così anomalo“.

Poi, il presidente della commissione Antimafia cita proprio il caso calabrese.

“Anche la commissione regionale Anti ‘ndrangheta calabrese si è riunita per discutere riguardo le metodologie utilizzate per la somministrazione di siero ad ‘altre’ categorie.

In Regione si è provato a capire se dietro le circa 86 mila vaccinazioni ascritte alla categoria ‘altro’ si possano nascondere persone non aventi diritto.

Auspichiamo massima collaborazione nella trasmissione dei dati alla Commissione antimafia da parte delle istituzioni competenti, al fine di fugare ogni dubbio sul rispetto delle priorità di vaccinazione.

Purtroppo – conclude Nicola Morra – i cittadini continuano a soffrire a causa dei disservizi delle Asp in tante parti d’Italia, c’è quindi necessità di offrire risposte concrete a chi denuncia disservizi anche per mancanza di vaccini, pertanto questa Commissione studierà il caso ormai molto diffuso”.

Infopinione è gratis e lo sarà sempre. Da lettore puoi contribuire alla sua esistenza. CLICCA QUI o sul pulsante donazione che trovi qui sotto.



.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Il caso Tortora, ecco perché ci sono ancora tanti positivi

Tempi mostruosi per l’esito dei tamponi e test persi per strada. Il sindaco Iorio intanto: …

One comment

  1. L’Italia, la Spagna e la Gran Bretagna hanno deciso di somministrare il vaccino AstraZeneca prevalentemente agli over 60. Ai giovani invece vengono dati i vaccini mRNA di Pfizer e Moderna. Credo che esista una possibile interpretazione per questa linea. I vaccini mRNA, come ha già spiegato il dottor Yeadon (ex vicepresidente Pfizer) provocano sterilità. In questo modo, dando vaccini ai più giovani che sono in età riproduttiva, si arriverebbe ad una considerevole riduzione delle nascite. Agli anziani invece danno direttamente il vaccino AstraZeneca per liberarsi più in fretta della fascia di età che la dittatura non ritiene “utile”. È la nuova eugenetica della dittatura globalista.
    https://www.rt.com/uk/520436-astrazeneca-britain-vaccine-moderna-pfizer/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright