Home / IN PRIMO PIANO / Ospedale di Praia a Mare, con Gastroenterologia si perde un patrimonio

Ospedale di Praia a Mare, con Gastroenterologia si perde un patrimonio


Servizio attivo dagli Anni ’90 si è consolidato nel tempo per qualità e quantità delle prestazioni. L’Atto aziendale Asp lo abolisce.

lido azzurro calabria santa maria cedro mare

Un patrimonio di conoscenza sanitaria buttato nella spazzatura.

La paventata perdita del reparto di Gastroenterologia dell’ospedale di Praia a Mare sembra essere la peggiore delle conseguenze dell’Atto aziendale che il commissario dell’Asp di Cosenza, Vincenzo La Regina, ha deliberato di recente.

Un documento che nell’area Alto Tirreno cosentino ha registrato critiche nel momento in cui, da una sua lettura attenta, sono emerse alcune note positive (+4 posti letto in Lungodegenza) ma molte stonate.

Chi conosce l’attività del reparto di Gastroenterologia, oggi unità operativa semplice, ricorda come il servizio era attivo già negli Anni ’90.

Circa 30 anni di vita, nei quali – a detta di molti – ha garantito prestazioni di qualità oltre che in quantità, attirando utenti da tutta la provincia.

Un servizio ambulatoriale, insomma, che annualmente fornisce migliaia di prestazioni e che vanterebbe anche una lista d’attesa non indifferente a causa delle molte prenotazioni.

È l’intero contenitore ospedale di Praia a Mare con i contenuti decisi dalle sentenze del Consiglio di Stato che va salvato.

Partendo magari da un servizio come Gastroenterologia che territorialmente è considerato di alta qualità.

ISCRIVITI AL CANALE TELEGRAM INFOPINIONE
E RESTA SEMPRE AGGIORNATO

Infopinione è gratis e lo sarà sempre. Da lettore puoi contribuire alla sua esistenza. CLICCA QUI o sul pulsante donazione che trovi qui sotto.



.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

riviera dei cedri fiume noce

San Sago, i Verdi Maratea: “Vogliamo vedere le carte”

Chiesto accesso agli atti del procedimento riguardante la Valutazione di incidenza fase di screening relativa …

error: Materiale protetto da copyright