Home / SANITÀ SALUTE BENESSERE / CORONAVIRUS / Vaccini Basilicata, le autocertificazioni Caregiver alla guardia di finanza

Vaccini Basilicata, le autocertificazioni Caregiver alla guardia di finanza


L’iniziativa del governatore Vito Bardi per incastrare eventuali furbetti. “Auspico sanzioni severe”, ha detto.


La guardia di finanza controllerà le autocertificazioni presentate dai caregiver lucani per ricevere la dose di vaccino anti Covid-19.

Si tratta di una iniziativa del presidente della giunta della Regione Basilicata, Vito Bardi, che ha voluto un controllo sui documenti presentati per scongiurare azioni da “furbetti”.

SEGUI INFOPINIONE SU TELEGRAM

“Come ha ricordato il generale Figliuolo – ha detto Bardi -, per i soggetti estremamente vulnerabili e per chi ha più di 65 anni il vaccino può essere vitale. A loro dobbiamo dare la priorità.

È vero che la piattaforma consente l’aggiunta dei caregiver, ma aggiungerli non può essere automatico: l’autocertificazione limita la possibilità a fattispecie e patologie ben precise. Chi non vi rientra non può ricevere il vaccino.

Siamo cittadini, abbiamo delle responsabilità, non solo dei diritti. Mi appello al senso civico di tutti.

Chi non rientra nella casistica prevista dall’autocertificazione di Poste, on line anche sul sito della Regione Basilicata, è pregato di cancellare la prenotazione per consentire a chi davvero ne ha diritto di prenotare.
E anche per evitare sanzioni.

Giovedì – ha concluso il governatore lucano – apriremo le prenotazioni ai caregiver di under 16 e Over 80 fragili. La prossima settimana, le persone con comorbidità.

Abbiamo tante prenotazioni e pochi vaccini, quindi bisogna avere pazienza. Stiamo vaccinando oltre i target assegnatici e di più non possiamo fare, pena l’esaurimento delle dosi, che servono in parte anche per i richiami”.


About Redazione

Tutti gli articoli frutto delle richieste di diffusione di comunicati stampa sono curati dalla Redazione di www.infopinione.it. Mail to: redazione@infopinione.it

Check Also

Reddito di cittadinanza: cerco lavoro da due anni, ma sono troppo qualificato

Una storia reale dal Tirreno cosentino. Una come tante, infarcita di delusione e rabbia. “Mi …