Home / IN PRIMO PIANO / Bel Murale, ma non si cancella la storia

Bel Murale, ma non si cancella la storia


A Santa Maria del Cedro nuova opera del Progetto Osa. Ottime recensioni, ma molte lamentele per aver coperto un’opera precedente.


Prosegue l’operazione Osa nel centro storico di Santa Maria del Cedro.

Ieri, gli artisti che da qualche settimana stanno lavorando al progetto Laos, nell’ambito dello Street art festival, hanno completato la quinta opera realizzata su una parete all’ingresso di piazza Casale.

Tutte molto belle e apprezzate, compresa l’ultima che però sembra aver generato indignazione nei cittadini.

Il lavoro è stato fortemente criticato sui social dopo che gli autori hanno diffuso con soddisfazione alcune foto dell’opera appena ultimata.

murales perrotta osa santa maria del cedro

SEGUI INFOPINIONE SU TELEGRAM

Il fatto è che su quella stessa parete era presente un altro murale, realizzato qualche anno fa da Roberto Fiorito con la collaborazione di alcuni cittadini, che ritraeva un personaggio di Santa Maria del Cedro a cui l’intera comunità è legata.

Una persona umile e semplice, di nome Giovanni, alla cui figura era stata dedicata quell’opera proprio davanti la sua abitazione.

Il vecchio lavoro è stato cancellato e sostituito con un disegno ritenuto comunque bellissimo, due mani che si toccano per dire che “tutto – questo il suo significato – tornerà alla normalità”.

E considerato il periodo che stiamo vivendo, non ci poteva essere modo migliore per raffigurare un sentimento collettivo.

Ma non su quella parete”. Questo il commento dei cittadini che prevale sui social. “Non avrebbero dovuto toglierlo”.

murale giovanni santa maria del cedro1

In molti si sono detti dispiaciuti e rammaricati. Anche i parenti del compianto Giovanni. “È come se fosse stato cancellato un pezzo di storia del paese”.

Giovanni era raffigurato seduto su una sedia, come era solito fare, vicino le scale della sua casa. Quasi come se stesse lì a dare il benvenuto a quanti arrivano nel centro storico.

Sulla parete era stata anche scritta una poesia in suo onore. Un modo per ricordarlo e rendergli omaggio, perché Giovanni lo meritava. Chi lo ha conosciuto ricorda bene che in vita è stato spesso deriso per la sua semplicità, per il suo modo di essere. Ma non c’era cattiveria nei suoi confronti.

Le critiche che sono state mosse riguardano anche un altro aspetto, che non è di tipo sentimentale.

Nessun artista cancella un’opera altrui per realizzarne una propria”. Il vecchio murale si era deteriorato, “ma – si legge ancora nei commenti – poteva essere restaurato, riprendendone magari linee e colori”.

Sempre attraverso i social arrivano rassicurazioni da parte degli organizzatori.

“I personaggi storici – scrive Mauro Limongi, consigliere comunale di Santa Maria del Cedro, promotore del progetto Osa – saranno disegnati con delle citazioni storiche della comunità e saranno nel nostro percorso.

Quindi nulla è dimenticato, ma lasciateci il gusto di far scoprire il percorso a piccoli passi”.

Parole e intenzioni che però non hanno incassato l’apprezzamento dei parenti di Giovanni, che hanno reagito chiedendo di non fare uso dell’immagine del loro congiunto.


About Pierina Ferraguto

Giornalista pubblicista dal 2013. Laureata in Filosofia e scienze della comunicazione e della conoscenza all'Università della Calabria. Dal 2006 al 2008 lavora come stagista nella redazione di Legnano de Il Giorno. In Calabria lavora con testate regionali di carta stampata e televisive.

Check Also

praia consiglieri

Amare Praia, interrogazione a De Lorenzo su attività dei consiglieri delegati: “Approvate 4 deliberazioni in maniera irregolare”

“Perché consiglieri delegati svolgono attività degli assessori”? Il gruppo di minoranza chiede lumi al sindaco …