Home / AMBIENTE NATURA CALABRIA BASILICATA / Operazione Archimede: 4 indagati ai domiciliari, obbligo di firma per sindaco Mele

Operazione Archimede: 4 indagati ai domiciliari, obbligo di firma per sindaco Mele


Inchiesta sulla depurazione: le misure cautelari eseguite stamane prevedono per altri interdizioni da pubblici uffici e professione.

lido azzurro calabria santa maria cedro mare

Quattro dei 10 destinatari di misure cautelari nell’ambito dell’inchiesta Archimede sono stati posti agli arresti domiciliari.

Per il sindaco di San Nicola Arcella, Barbara Mele, disposto l’obbligo di firma presso la polizia giudiziaria.

Disposte inoltre interdizioni da pubblici uffici o a esercitare la professione per i restanti soggetti coinvolti.

ISCRIVITI AL CANALE TELEGRAM INFOPINIONE
E RESTA SEMPRE AGGIORNATO

Sono alcuni elementi che filtrano dall’operazione di questa mattina su presunti illeciti nella gestione della depurazione in alcuni comuni del Tirreno cosentino.

Coordinati dalla procura della Repubblica di Paola, i carabinieri della compagnia di Scalea hanno eseguito 10 misure cautelari.

Nel mirino degli investigatori, oltre al primo cittadino sannicolese, dipendenti degli uffici tecnici di alcuni centri del territorio, imprenditori e anche un tecnico dell’Arpacal.


About Pierina Ferraguto

Giornalista pubblicista dal 2013. Laureata in Filosofia e scienze della comunicazione e della conoscenza all'Università della Calabria. Dal 2006 al 2008 lavora come stagista nella redazione di Legnano de Il Giorno. In Calabria lavora con testate regionali di carta stampata e televisive.

Check Also

Diamante, la sanità calabrese secondo Badolati e Sabato

Questa sera presentazione del libro dei due giornalisti a Largo Savonarola. “Un viaggio da incubo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright