Home / AMBIENTE NATURA CALABRIA BASILICATA / San Sago, Iorio: “Nostra strategia ricorrere a entrambi i Tar”

San Sago, Iorio: “Nostra strategia ricorrere a entrambi i Tar”


Il sindaco di Tortora commenta e chiarisce dopo la dichiarazione di incompetenza territoriale dei giudici calabresi.

aronne pasticceria marcellina santa maria cedro calabria

La vicenda giudiziaria sull’impianto di San Sago segue una logica ben definita e per la quale era opportuno ricorrere prima al Tar Calabria mantenendo aperta la possibilità di un eventuale accesso al tribunale amministrativo della Basilicata“.

Cosiì Toni Iorio, sindaco di Tortora, alla redazione di infopinione, per commentare la recente decisione della giustizia amministrativa calabrese sul ricorso presentato contro il nulla osta espresso dalla Regione Basilicata alla ripresa delle attività nell’impianto di San Sago. (leggi qui cosa ha deciso il Tar)

SEGUI INFOPINIONE SU GOOGLE NEWS

“Più precisamente – ha poi aggiunto il pruno cittadino tortorese – con l’avvocato Norina Scorza abbiamo perseguito questa strategia non solo per avere una doppia opportunità, ma anche perché la legge prevede che la discussione debba essere incardinata presso il tribunale del territorio dove il sito è ubicato e svolge la sua attività.

Ora, dunque, presenteremo un nuovo ricorso al Tar Basilicata“.

Sui recenti sviluppi della vicenda Infopinione ha raccolto anche la posizione espressa da Pasquale Lamboglia, ex sindaco di Tortora, che ha lamentato una azione poco incisiva. (la trovi qui)

“Abbiamo eseguito tutte le nostre azioni tempestivamente e continueremo su questa scia, senza mollare un millimetro – ha detto Toni Iorio.

Abbiamo intessuto rapporti con le istituzioni amministrative preposte, tanto con quelle lucane che con quelle calabresi. Abbiamo convocato un consiglio straordinario sul tema e promosso iniziative di sensibilizzazione nel territorio della Valle del Noce.

Tutte queste attività le abbiamo messe in campo coordinandoci con il Comitato di difesa del fiume Noce al quale aderiscono tutti i comuni della valle e l’associazione Libera del Lagonegrese.

Con la stessa modalità – ha concluso Iorio – convocheremo a Tortora un ulteriore consiglio straordinario aperto ai cittadini per determinarci in merito e compiere ulteriore atti di sensibilizzazione verso le due Regioni interessate dalla vicenda”.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Reddito di cittadinanza: cerco lavoro da due anni, ma sono troppo qualificato

Una storia reale dal Tirreno cosentino. Una come tante, infarcita di delusione e rabbia. “Mi …