Home / AMBIENTE NATURA CALABRIA BASILICATA / Maratea, ordinata la demolizione delle opere abusive in località Santavenere

Maratea, ordinata la demolizione delle opere abusive in località Santavenere


I lavori per il manufatto a ridosso di una scogliera erano stati interrotti e sequestrati su ordine del Gip di Lagonegro a giugno scorso.


Il Comune di Maratea ha ordinato la demolizione delle opere realizzate in assenza di autorizzazione paesaggistica e di deposito all’ufficio Difesa del suolo della Regione Basilicata.

Si tratta dei manufatti in progetto sulla spiaggia di Fiumicello di Maratea, in località Santa Venere, e sequestrati su ordine del Gip di Lagonegro agli inizi di luglio scorso dai carabinieri, come avevamo riferito in questo nostro articolo.

maratea santavenere hotel opera abusiva

SEGUI INFOPINIONE SU GOOGLE NEWS

L’ordine di demolizione è stato emesso di recente dall’area Servizi urbanistica edilizia privata e pubblica, settore sviluppo territoriale, del Comune di Maratea.

Il provvedimento è stato perfezionato al termine dell’iter partito a giugno con gli accertamenti svolti dal comune, arricchitosi dei pareri contrari all’opera della Regione Basilicata e della Soprintendenza e di un ricorso al Tar da parte del privato che non ha sortito l’esito desiderato.

Per ripristinare lo stato dei luoghi sarà quindi necessario procedere alla demolizione di un pergolato in legno per una superficie di di circa 700 metri quadrati. Il privato deve eseguire l’ordine entro 90 giorni.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Reddito di cittadinanza: cerco lavoro da due anni, ma sono troppo qualificato

Una storia reale dal Tirreno cosentino. Una come tante, infarcita di delusione e rabbia. “Mi …