Home / AMBIENTE NATURA CALABRIA BASILICATA / Praia a Mare, chiesta al Comune adesione al contratto di Fiume Valle del Noce

Praia a Mare, chiesta al Comune adesione al contratto di Fiume Valle del Noce


Assopesca Maratea si rivolge all’ente dopo il recente convegno sulla Transizione ecologica. “Si inserisca in un modello nuovo di partecipazione”.

aronne pasticceria marcellina santa maria cedro calabria

L’Associazione di coordinamento delle imprese di pesca del litorale tirrenico lucano chiede al Comune di Praia a Mare di partecipare attivamente nella stesura del Contratto di fiume della Valle del Noce.

È quanto viene espresso dal portavoce di Assopesca Maratea, Manuel Chiappetta, dopo la partecipazione alla recente tavola rotonda sul tema della Transizione ecologica svoltasi a Praia a Mare.

Nel corso dell’incontro il sindaco Antonio Praticò ha preannunciato la volontà di agire legalmente contro gli enti lucani che – a suo dire – non vigilano sul corso d’acqua, come abbiamo riportato in un nostro recente articolo.

“Siamo convinti – afferma Chiappetta – che la comunità di Praia a Mare debba partecipare attivamente nella stesura del Contratto di fiume.

Essa infatti non può non essere presente in un modello nuovo di partecipazione, che vede per la prima volta le associazioni di categoria, quelle ambientaliste, i marittimi e le comunità tutte attrici principali. 

Chiediamo all’amministrazione comunale di Praia a Mare – questo l’appello di Assopesca – di portare la questione sul tavolo politico amministrativo territoriale, di analizzare la possibilità di condividere un percorso comune con tutte le altre amministrazioni comunali della Valle del Fiume Noce e di firmare, sul solco tracciato dagli altri consigli comunali, l’approvazione del Manifesto d’intenti promosso dal Flag Coast To Coast di Basilicata, facendo propri gli obbiettivi prioritari dello stesso”. 

Al convegno praiese hanno partecipato, tra gli altri, il presidente della Foundation for environmental education Italia (Fee) Claudio Mazza e il presidente del Parco nazionale del Pollino, Domenico Pappaterra. Entrambi hanno parlato proprio del Contratto di fiume tanto caro ad Assopesca Maratea.

“Nei loro interventi – ancora Manuel Chiappetta – hanno chiesto azioni sinergiche alle istituzioni locali e alle amministrazioni comunali, al fine di porre in essere scelte strategiche per affrontare la sfida della tutela della biodiversità e degli habitat marini.

È stato veramente confortante, ascoltare Mazza, che si è soffermato sull’importanza che la redazione del Contratto di Fiume della Valle del Noce avrà come strumento di pianificazione territoriale e sulle capacità d’intervento che lo stesso potrà avere nelle criticità in essere”.


About Redazione

Tutti gli articoli frutto delle richieste di diffusione di comunicati stampa sono curati dalla Redazione di www.infopinione.it. Mail to: redazione@infopinione.it

Check Also

Amici in Comune, il 31 gennaio 2022 la decisione sul rinvio a giudizio

Oggi le ultime discussioni delle difese dinanzi al Gup di Paola nel procedimento sui presunti …