Home / SANITÀ SALUTE BENESSERE / CORONAVIRUS / Praia a Mare, rientro a scuola con tampone: genitori tra molti dubbi attendono novità

Praia a Mare, rientro a scuola con tampone: genitori tra molti dubbi attendono novità


Superata da altri provvedimento l’ordinanza del sindaco che ha stabilito l’obbligo di testing in vista della ripresa delle attività in presenza.


Quando bisognerebbe fare il tampone ai bambini dal momento che lunedì mattina farmacie e laboratori apriranno dopo le scuole? Chi deve pagare il tampone visto che è un obbligo imposto per il rientro in classe? Lo fanno solo gli alunni? E insegnanti e personale scolastico“?

Sono le principali, non le uniche, domande che i genitori di Praia a Mare si stanno ponendo da qualche giorno.

Ovvero da quando il sindaco Antonio Praticò, giorni fa, con propria ordinanza ha “fatto obbligo a tutti gli scolari e alunni interessati a tale provvedimento, di effettuare il test antigenico rapido da consegnare, al rientro, all’istituto scolastico di appartenenza. In mancanza, non ha diritto di accedere al plesso scolastico di appartenenza fino alla presentazione dell’esito del test”.

L’ordinanza di cui abbiamo scritto in un altro nostro articolo, prevede inoltre altri obblighi. Da allora, quindi i genitori hanno iniziato a porsi le domande di cui abbiamo accennato.

Lunedì 17 gennaio 2022, è il giorno in cui riprenderanno le attività didattiche in presenza dopo che in molte scuole calabresi è stata adottata la Dad a seguito delle chiusure dei plessi ordinate dai sindaci, proprio come a Praia a Mare.

Per avere un tampone attendibile per i propri figli, i genitori hanno due alternative. Una è farlo domenica 16 gennaio presso le farmacie di turno del territorio. Ma queste potrebbero anche essere affollate, a maggior ragione dopo la novità introdotta di recente per la quale è sufficiente un tampone antigenico per uscire dalla quarantena o dall’isolamento fiduciario. (ne abbiamo scritto qui)

SEGUI INFOPINIONE SU GOOGLE NEWS

In alternativa potrebbero farlo lunedì mattina, ma bisogna considerare che di solito farmacie e laboratori privati hanno orari di apertura simili a quelli delle scuole stesse.

Inoltre, considerando una facilmente immaginabile corsa al tampone, si corre il rischio di assembramenti nei luoghi deputati alle operazioni di testing.

C’è inoltre chi ragionevolmente sottolinea: trattandosi di un obbligo imposto dalla Pubblica amministrazione, in questo caso il sindaco, dovrebbe essere la stessa ad accollarsi il costo dei tamponi.

Tuttavia, molti genitori ci hanno segnalato che qualcosa potrebbe cambiare nelle prossime ore e di attendere novità dettate da provvedimenti ministeriali che avrebbero superato quanto stabilito dall’ordinanza del sindaco di Praia a Mare, stabilendo nuovi criteri adottati successivamente alla decisione che – lo ricordiamo – risale allo scorso 7 gennaio 2022.

Secondo l’Azienda sanitaria provinciale di Cosenza, a Praia a Mare si sono registrate 65 positività al Covid-19 negli ultimi 30 giorni, ma – come abbiamo spiegato in un nostro approfondimento – si tratta di un dato basato unicamente sui tamponi processati dall’azienda.

È tuttavia l’unico a disposizione dei cittadini, come ribadito dal sindaco di Praia a Mare, per avere la misura della diffusione del contagio in paese, argomento al quale abbiamo dedicato una sezione di questo sito e nella quale aggiorniamo costantemente i dati epidemiologici dei comuni del territorio. CLICCA QUI


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

maggio letterario scalea

Maggio Letterario Scalea, Giuseppe Smorto a Villa Giordanelli per il Sud positivo

Domenica 29 maggio 2022 il libro “A sud del Sud”. Eclectica: “Fa più rumore un …