Home / IN PRIMO PIANO / Scalea, Nelson Eduardo adottato a 25 anni

Scalea, Nelson Eduardo adottato a 25 anni

Una storia di affetto famigliare partita dal Venezuela e coronata da una recente sentenza pronunciata dal tribunale di Paola.


Quando il suo padre biologico ha fatto perdere le tracce di sé Nelson Eduardo Rosales Baez aveva solo 2 anni. Oggi, all’età di 25 anni ha ottenuto di essere adottato dall’uomo che, nel frattempo, è diventato il suo vero “papà”.

È una storia a lieto fine quella che viene diffusa dall’avvocato Fiona Esposito che ha curato la causa legale tramite la quale il signor José Manuel D’Cesare Albornoz è riuscito nell’intento di adottare Nelson Eduardo Rosales Baez, il figlio di prime nozze di sua moglie, Nancy Carolina Baez Mora.

Gran parte di questa storia è nata e si è sviluppata lontano da Scalea, tra Venezuela, Paese dal quale gli interessati provengono, e il Belgio. Ma è in Riviera dei Cedri che il desiderio di una famiglia “ufficiale” ha trovato infine compimento.

Nato nel 1996, Nelson Eduardo ha soli due anni quando suo padre decide di abbandonare lui e sua madre per emigrare poi a Panama e chiudendo definitivamente i rapporti con loro che restano a vivere nella città di San Cristobal, dove il piccolo cresce con la passione per gli animali, coltivata con frequenti visite allo zoo locale.

In seguito, Nancy Carolina incontra José Manuel e tra i due nasce un legame sentimentale. Nelson lo consce nel corso di una cena alla quale il nuovo compagno della madre si presenta con due uccellini tipici dalle Isole Canarie. Un dono per il piccolo che, di lì a poco, avrebbe iniziato a chiamarlo “papà“.

Quella relazione è diventata matrimonio, è resistita nel tempo e da essa sono nati tre figli, Ariadna Carolina, Diana Manuela e Gabriele, a completare una quadretto famigliare composto da 6 membri.

La famiglia D’Cesare Baez resta in Venezuela fino al 2013, anno in cui si trasferisce in Europa (dove nasce Gabriele) per sfuggire alle condizioni di vita fattesi insopportabili in Patria a causa della crisi. Nel 2017, infine, un nuovo trasferimento, questa volta in Italia: a Scalea, dove il padre di José Manuel D’Cesare Albornoz era nato.

José Manuel D’Cesare Albornoz e suo figlio Nelson Eduardo Rosales Baez

SEGUI INFOPINIONE SU TELEGRAM

“Nelson – spiega l’avvocato Fiona Esposito -, fin dall’inizio della convivenza tra la madre e il signor Josè, ha creato un profondo e significativo legame affettivo con quest’ultimo, equivalente a quello che nasce e si sviluppa tra padre e figlio. Con lui è entrato a far parte di una famiglia numerosa e in lui ha trovato una figura paterna, presente e affettuosa, su cui poter contare.

Dopo ben 20 anni di convivenza, José Manuel D’Cesare Albornoz ha quindi deciso, in accordo con la madre e con estrema felicità di Nelson, di chiedere l’adozione del ragazzo“.

Adozione ottenuta, come detto, grazie a una sentenza del tribunale di Paola.


About Pierina Ferraguto

Giornalista pubblicista dal 2013. Laureata in Filosofia e scienze della comunicazione e della conoscenza all'Università della Calabria. Dal 2006 al 2008 lavora come stagista nella redazione di Legnano de Il Giorno. In Calabria lavora con testate regionali di carta stampata e televisive.

Check Also

Perrotta sindaco scalea omicidio suicidio

Omicidio suicidio Scalea, Perrotta: “Comunità scossa”

Così il sindaco di Scalea Giacomo Perrotta dopo l’omicidio suicidio avvenuto nella notte in via …