Home / IN PRIMO PIANO / Cedro Dop, Santa Maria del Cedro è la capitale internazionale della cedricoltura

Cedro Dop, Santa Maria del Cedro è la capitale internazionale della cedricoltura


La posizione del presidente del consorzio del Cedro di Calabria Angelo Adduci dopo le lamentele Coldiretti sul nome della denominazione.

aronne pasticceria marcellina santa maria cedro calabria

Santa Maria del Cedro è la capitale internazionale del Cedro. È la storia che lo dice. Ed è per questo che non c’è nulla di strano se la Denominazione di origine protetta si dovesse chiamare Cedro di Santa Maria del Cedro Dop.

Angelo Adduci, presidente del Consorzio del Cedro di Calabria, risponde così a Coldiretti Calabria che, qualche tempo fa, aveva avanzato la necessità di nominare la Dop in fase di ottenimento con un nome più “comprensoriale”, come avevamo riportato in un nostro precedente articolo.

Al consorzio santamariese, però, non la pensano proprio così.

“La denominazione adottata per il riconoscimento Dop – dice Adduci – è riconosciuta da tutti i protagonisti che vivono il mondo della cedricoltura da anni e con sacrificio. Ma soprattutto ci viene imposta dalla storia.

È la documentazione storica allegata alla richiesta presentata che ha dato la denominazione alla domanda di riconoscimento avanzata dal Consorzio del Cedro di Calabria, che non ha fatto altro che ratificare il ruolo di Santa Maria del Cedro come capitale internazionale della cedricoltura.

La denominazione indicata è riconosciuta in ambito regionale, nazionale e internazionale. Ma soprattutto è stata accertata dal parere favorevole del Ministero delle Risorse agricole alimentari e forestali, e ancor prima dal dipartimento Agricoltura della Regione Calabria”.

SEGUI INFOPINIONE SU TELEGRAM

Inoltre viene sottolineato come dato essenziale che molti cedricoltori iscritti proprio alla Coldiretti e aderenti ai due grandi consorzi di zona, Cedro di Calabria e Cedro mediterraneo Terre di Calabria, sono sottoscrittori di un documento congiunto con il quale è stata ridefinita la cedricoltura stessa.

“In esso – sottolinea Angelo Adduci -, è ribadita a chiare lettere la denominazione Cedro di Santa Maria del Cedro, varietà liscia diamante. Allora mi chiedo: quale immagine può essere più coordinata per il bene del cedro, se non quella dei due consorzi che lavorano in sinergia e promuovono delle linee guida comuni per il bene della cedricoltura”?

Insomma, il consorzio Cedro di Calabria, tramite il suo presidente, respinge le accuse di campanilismo sottese da Coldiretti Calabria.

“Qualunque sarà la denominazione – conclude Adduci – avrà comunque vinto il territorio. Di contro, se la Dop non dovesse essere accolta o l’iter dovesse avere una battuta d’arresto sapremo che le responsabilità non saranno degli operatori, degli studiosi, dei tecnici, dei dirigenti regionali o della politica, ma ancora una volta sarà di chi, in maniera superficiale e nell’interesse puramente egoistico, preferisce sgambettare e rallentare lo sviluppo”.


About Redazione

Tutti gli articoli frutto delle richieste di diffusione di comunicati stampa sono curati dalla Redazione di www.infopinione.it. Mail to: redazione@infopinione.it

Check Also

Santa Maria del Cedro, si ferisce con un flex ma manca l’ambulanza: la polizia municipale lo scorta in Pronto soccorso

Brutta dIsavventura per un 39enne. I vigili hanno interagito con la sala operativa del 118. …