Home / COMUNI / MARATEA / Maratea, Assoturismo lancia l’allarme: brusca frenata prenotazioni

Maratea, Assoturismo lancia l’allarme: brusca frenata prenotazioni


L’organo rappresentativo Confesercenti chiede cambio di passo con la Pasqua alle porte. Interventi immediati e cambio di mentalità.


Brusca frenata delle prenotazioni. Caro bollette, guerra e Covid hanno portato a un calo del 30% delle prenotazioni per questa primavera con una situazione grave a Maratea.

È quanto sostiene Assoturismo Confesercenti Maratea, recentemente riunitasi anche per discutere dei rischi legati alla chiusura della Ss18 a maggio e giugno.

Nel corso dell’ultima seduta del direttivo della Federazione Assoturismo Confesercenti Maratea erano presenti Antonio Adalberto Munafò per Assoturismo Confesercenti, Fabio Gentile per Assoturismo Confesercenti e Asshotel, Piepaolo Schettino per Fiepet, Claudio Pagliaro per Assonavigazione, Lugi Sfara per FIBA e Fiepet, Valerio Caiafa per AIGO, Roberto Schettino per FIBA, Carlo Vetromile per Assocamping e Pompeo Limongi per Assoviaggi.

“La Federazione – si legge in un comunicato -, con i suoi 80 associati rappresenta l’intera filiera del turismo della costa di Maratea ed è per questo motivo che la riunione del direttivo ha rappresentato un momento di confronto importante e di grande valenza e spessore anche tecnico”.

Riprese le parole espresse di recente da Vittorio Messina, presidente nazionale Assoturismo Confesercenti, analizzando i dati del Centro studi turistico di Firenze: “Il conflitto russo-ucraino non ha fermato solo i viaggiatori di questi due paesi e di quelli dell’Est. Assistiamo, infatti, a una diminuzione generale delle prenotazioni da tutta l’area dell’Europa e anche dal Nord d’Italia.

Altro problema, l’aumento dei costi dei carburanti, che si riflette sul costo dei viaggi. Gli italiani, già messi alle strette dal caro bollette, hanno deciso di ridurre il budget: uno su tre, in particolare, taglia le spese turistiche. Complessivamente – aggiunge Assoturismo – a oggi scontiamo una riduzione di circa il 30% delle prenotazioni da parte di italiani e stranieri per il periodo primaverile”.”

A Maratea la situazione è ancora più difficile – incalza Munafò -. La Ss 18 non può chiudere nei mesi di maggio e giugno che per sono estate, stagione turistica, mesi nei quali le nostre imprese danno lavoro, comprano e vendono merci e servizi facendo muovere l’intera economia locale. Sono i mesi che per noi fanno la differenza.

Il problema non è solo di Acquafredda, ma di tutta la costa tirrenica. Appoggiamo le battaglie del Comitato civico Ss 18 di cui siamo parte integrante e attiva anche per tramite di nostri dirigenti, ma non esiteremo a intraprendere direttamente ogni azione possibile per scongiurare questo omicidio premeditato d’imprese.

Pasqua – continua Munafò – è dietro l’angolo e a Maratea nessuno degli annosi problemi che attanagliano la destinazione turistica è stato avviato a soluzione. Parcheggio di Fiumicello ancora chiuso, pulizia delle spiagge neppure iniziata, incuria, erbacce e degrado in ogni dove e ora anche l’incendio alla Pamafi”, di cui abbiamo riferito in un nostro articolo di cronaca.

SEGUI INFOPINIONE SU GOOGLE NEWS

“Se noi per primi – spiega Munafò – unitamente agli amministratori locali e regionali non comprendiamo che la stagione turistica va da Pasqua ai primi di novembre e che ci dobbiamo presentare ai turisti al meglio sin da subito, con ordine, pulizia, colore, fiori e servizi efficienti noi il turismo lo faremo sempre e solo a luglio e agosto e non perché non vengono i turisti in altri periodi, ma perché non li vogliamo.

Il turismo non può essere solo un argomento da campagna elettorale e da bar. Inutile parlare di fiere, di promozione, di gemellaggi se non si rende il prodotto accogliente ed accattivante.

Le bellezze che ci ha dato madre natura, che sono di incommensurabile bellezza, da sole però non bastano. Il resto dobbiamo mettercelo noi.

Serve un immediato cambio di passo e la Regione Basilicata e il Comune di Maratea devono porre in essere azioni concrete ed immediate a supporto del turismo e di tutti gli operatori turistici”.


About Redazione

Tutti gli articoli frutto delle richieste di diffusione di comunicati stampa sono curati dalla Redazione di www.infopinione.it. Mail to: redazione@infopinione.it

Check Also

tonno rosso maratea sequestro fb

Maratea, sequestro in porto di Tonno rosso pescato in periodo non autorizzato

Scoperti due esemplari dal peso complessivo di 300 chilogrammi a bordo di un peschereccio. Sanzionato …