Home / CRONACA / Scalea, 3 arresti per usura ed estorsione mafiosa

Scalea, 3 arresti per usura ed estorsione mafiosa

Appartenenti alla stessa famiglia, due sono in carcere e uno ai domiciliari su richiesta dell’Antimafia. Sequestrati 250 mila euro.

studio odontoiatrico vaccaro diamante

Tre persone sono state arrestate questa mattina a Scalea per usura in concorso, estorsione ed esercizio abusivo dell’attività finanziaria con l’aggravante del metodo mafioso.

L’indagine è partita a settembre 2021, dalla denuncia di un’attività di usura ai danni di un piccolo imprenditore locale e gestore di un lido balneare a Scalea, relativamente ad un presunto prestito usurario. L’Arma ha poi scoperto un’ulteriore presunta estorsione ai danni di un altro imprenditore locale.

SEGUI INFOPINIONE SU TELEGRAM

“Per le presunte condotte illecite – fanno sapere i carabinieri -, è stata ritenuta anche la sussistenza dell’aggravante del metodo mafioso, in quanto sarebbero state poste in essere avvalendosi della forza intimidatrice derivante dal vincolo associativo riconducibile alla cosca di ‘ndrangheta operante sul territorio”. 

Di conseguenza il Gip di Catanzaro ha emanato un’ordinanza di applicazione di misura cautelare della custodia in carcere per 2 indagati e degli arresti domiciliari per il terzo su richiesta della Dda. I tre soggetti appartengono tutti a un unico nucleo familiare.

È stata data esecuzione, inoltre, in relazione al reato di usura contestato, al sequestro preventivo di beni per un totale di circa 250 mila euro, tra cui un magazzino di 100 metri quadrati.


About Pierina Ferraguto

Giornalista pubblicista dal 2013. Laureata in Filosofia e scienze della comunicazione e della conoscenza all'Università della Calabria. Dal 2006 al 2008 lavora come stagista nella redazione di Legnano de Il Giorno. In Calabria lavora con testate regionali di carta stampata e televisive.

Check Also

ditta di giocattoli calabria contratto

Ditta di giocattoli impone contratto assurdo in Calabria, la denuncia della Filcams Cgil

Obblighi inaccettabili per i lavoratori denunciati dal sindacato in una ditta di giocattoli nel Catanzarese …