Home / AMBIENTE NATURA CALABRIA BASILICATA / Mare sporco Tirreno cosentino: i sindaci chiedono a Occhiuto i Battelli Spazzamare

Mare sporco Tirreno cosentino: i sindaci chiedono a Occhiuto i Battelli Spazzamare


Mare Sporco Tirreno cosentino: richiesta di incontro avanzata dai primi cittadini di Tortora, Scalea e San Nicola Arcella.


Il Mare Sporco, problema che annualmente attanaglia il territorio del Tirreno cosentino.

Per questo motivo tre sindaci, Antonio Iorio di Tortora, Eugenio Madeo di San Nicola Arcella e
Giacomo Perrotta di Scalea, hanno scritto al presidente della Regione Calabria Roberto Occhiuto.

“Conosciamo la sua determinazione nel voler affrontare il problema della pulizia del mare della nostra Regione ed è per questo che ci rivolgiamo a lei sapendo di trovare ascolto ed attenzione. Purtroppo, nel primo prolungato ponte di inizio giugno, abbiamo riservato ai tantissimi turisti che hanno frequentato le nostre località, la brutta sorpresa di continuare a trovare un mare, quest’anno, particolarmente sporco.

Sappiamo che sono in atto ricerche per una soluzione immediata, che consenta di correre ai ripari nel migliore dei modi. Noi vorremmo suggerirne una. Oggi dei semplici battelli spazzamare, dotati anche di uno skimmer per raccogliere gli idrocarburi e altri liquidi che non siano acqua, possono diventare un sistema completo dotato di moltissime applicazioni, tra cui il drone per la ricerca dei rifiuti solidi e liquidi e per la formazione di un database che, nel corso del tempo, monitorizzi le condizioni delle acque controllate.

In aggiunta, alla suddetta applicazione, ci sono sistemi capaci di georeferenziare i rifiuti sottomarini per poi pianificare una raccolta successiva. Ci sono sistemi con la capacità di analizzare le acque in tempo reale per poi trasmettere le informazioni acquisite.

Le acque antistanti Rapallo, San Michele di Pagana, Santa Margherita, Paraggi e Portofino vengono ripulite e monitorate con tali sistemi, accolti positivamente sia dai bagnanti, sia dagli operatori turistici, perché rimuovono dall’acqua anche lo sporco che le correnti spingono verso riva.

Noi le chiediamo, a meno che non si abbiamo soluzioni più immediate ed efficaci da proporre, di sperimentare tali sistemi sulle nostre acque. Siamo disponibili perciò, se la proposta suscita interesse, ad un incontro immediato per discutere come realizzarla, anche sotto l’aspetto finanziario, nei tempi più ristretti possibili e con il coinvolgimento del Comune di Praia a Mare, oggi impegnato nel rinnovo dei suoi organi istituzionali”.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Santa Maria del Cedro, si ferisce con un flex ma manca l’ambulanza: la polizia municipale lo scorta in Pronto soccorso

Brutta dIsavventura per un 39enne. I vigili hanno interagito con la sala operativa del 118. …