Home / IN PRIMO PIANO / Casa circondariale di Paola: L’altra Cucina… per un pranzo d’amore

Casa circondariale di Paola: L’altra Cucina… per un pranzo d’amore

Mercoledì 20 dicembre 2023, un pranzo di Natale per i 2000 detenuti nella Casa circondariale di Paola: i camerieri sono personaggi dello spettacolo. Santino Cardamone, Eleonora Anania e Antonio Fulfaro “ai tavoli” con i volontari del Rinnovamento nello Spirito.

mary ristorante pizzeria santa maria del cedro calabria

“L’altra Cucina… per un pranzo d’amore” è il nome dell’iniziativa in programma mercoledì 20 dicembre 2023 nella casa circondariale di Paola. L’evento è promosso dall’associazione Prison Fellowship Italia Onlus in collaborazione con il Rinnovamento nello Spirito Santo e la Fondazione Alleanza Onlus del RnS, con il patrocinio del Ministero della Giustizia.

Il filo conduttore del progetto è “spalancare le porte del cuore dei detenuti ai raggi del sole radioso della spiritualità natalizia. Spezzare il cerchio del crimine e avviare un percorso di speranza per uscire dal tunnel della devianza”, spiegano i promotori. 

Previsto il coinvolgimento delle diocesi di Cosenza -Bisignano e di San Marco Argentano -Scalea, tramite i rispettivi coordinatori, Francesco Misuraca e Stefania Biancamano.

“L’altra Cucina… per un pranzo d’amore” prevede appunto un pranzo che sarà realizzato dal cuoco, Carmelo Fabbricatore, presidente dell’Unione regionale cuochi, tesoriere e membro di giunta della Federazione italiana cuochi.

“Fabbricatore, con la sua equipe e alcuni allievi dell’Istituto d’istruzione superiore Mancini-Tommasi di Cosenza, preparerà all’interno della cucina dell’istituto penitenziario calabrese un pranzo regale per 200 detenuti, oltre che per 40 ospiti tra autorità, personaggi dello spettacolo e sponsor. 

Gli artisti che parteciperanno al pranzo, regalando così un sorriso ai detenuti, saranno i due talentuosi cantanti calabresi, Santino Cardamone, Eleonora Anania e Antonio Fulfaro. Quest’ultimo, attore teatrale e cinematografico, comico amatissimo dal pubblico, sarà accompagnato dai suoi allievi dell’Accademia dell’Ancia, Leonardo Guardia e Alessia Laregina“.

L’iniziativa prevede che ad allestire la tavola e a servire i piatti siano proprio gli artisti, insieme ai volontari del Rinnovamento nello Spirito. Numerosi i produttori, le organizzazioni, le fondazioni, le associazioni, tra questi l’Associazione professionale agricola provinciale di Cosenza e sponsor privati che contribuiscono donando alimenti. 

“Questa edizione dei Pranzi di Natale – spiegano i promotori – prevede per la prima volta che un istituto scolastico contribuisca economicamente alla realizzazione. Si tratta del Liceo classico Bernardino Telesio di Cosenza che ha raccolto e devoluto la quota di mille euro per coprire parte delle spese.

Sono tutti gesti d’amore per restituire gioia e prossimità a tante persone provate dalla sofferenza e dalla solitudine del carcere. Per i detenuti della Casa Circondariale di Paola sarà dunque una giornata indimenticabile”.

La giornata è stata organizzato così: alle 10 e 30 la celebrazione eucaristica presieduta dall’arcivescovo metropolita di Cosenza-Bisignano, Giovanni Checchinato, in presenza del cappellano padre Aurelio Marino e con l’animazione dal coro del RnS. Sarà presente anche la coordinatrice regionale RnS, Maria Teresa Palmieri. Il Pranzo di Natale “stellato” si svolgerà alle 12. Lo spettacolo degli artisti è previsto alle 14. 

La realizzazione dei “Pranzi di Natale” si svolge ogni anno all’interno di decine di carceri italiane per offrire una giornata di festa a chi affronta l’esperienza del carcere e richiamare l’attenzione sulla complessa questione della detenzione.

aronne pasticceria marcellina santa maria cedro calabria

About Redazione

Tutti gli articoli frutto delle richieste di diffusione di comunicati stampa sono curati dalla Redazione di www.infopinione.it. Mail to: redazione@infopinione.it

Check Also

Sei pronto per la fine del mondo vitale valente

Sei pronto per la fine del mondo? A Grisolia presentato il libro di Valente e Vitale

Buona la “prima” del romanzo “Sei pronto per la fine del mondo”? scritto a quattro …