Home / CRONACA / Piscina comunale di Scalea, Tar Calabria sospende atti del Comune per la revoca della concessione all’Aias

Piscina comunale di Scalea, Tar Calabria sospende atti del Comune per la revoca della concessione all’Aias

Il tribunale amministrativo ha sospeso temporaneamente l’esecuzione degli atti emanati per revocare la concessione della piscina coperta comunale di Scalea. I giudici si pronunceranno a fine mese. Accolto il ricorso presentato dall’Aias Cetraro.

aronne pasticceria marcellina santa maria cedro calabria

Il Tribunale amministrativo regionale per la Calabria ha accolto il ricorso della sezione Aias di Cetraro contro Comune di Scalea e Agenzia del Demanio direzione regionale Calabria per l’annullamento degli atti emanati dall’ente per revocare l’affidamento della piscina comunale coperta.

Il Tar calabrese ha quindi sospeso temporaneamente l’esecuzione dei provvedimenti comunali e fissato mercoledì 24 luglio 2024 come data per trattare il caso in camera di consiglio.

L’Aias si oppone a una delibera del gennaio scorso con la quale la Giunta comunale di Scalea ha disposto la revoca della concessione del servizio di piscina coperta per motivi di preminente interesse pubblico e la decadenza della convenzione di affidamento dell’impianto sportivo.

L’associazione ha inoltre fatto ricorso contro un provvedimento dello scorso 26 giugno assunto dal responsabile comunale del settore Lavori pubblici per dare seguito all’indirizzo politico della giunta, negare il diritto all’indennizzo a causa di un procedimento tuttora pendente presso il tribunale di Paola nel quale l’affidatario chiede i danni all’ente e ordinare il rilascio dell’impianto sportivo entro cinque giorni.

La piscina coperta di Scalea – lo ricordiamo – è oggetto di contenzioso tra le parti sin dal settembre del 2013 quando la tensostruttura dell’impianto sportivo venne completamente distrutta da una tromba d’aria. Il crollo, fortunatamente, non causò feriti: le persone presenti si misero in salvo riparandosi nella parte del centro sportivo costruita in muratura.

L’autorità giudiziaria sequestrò l’area per le indagini volte a stabilire eventuali responsabilità del crollo e si instaurò il contenzioso tra il Comune di Scalea e la sezione di Cetraro dell’Associazione italiana aiuto agli spastici (Aias) che nella struttura aveva avviato appena un anno prima un villaggio sportivo.

bigmat fratelli crusco grisolia

About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

penna-pistola cetraro

Cetraro, trovato in possesso di una “penna-pistola”: arrestato 34enne

Trovata dai carabinieri una penna-pistola perfettamente funzionante e pronta all’uso nell’abitazione di un 34enne a …