Home / COMUNI / PRAIA A MARE / Isola di Dino, Cassiano: “Unione di intenti per superare l’empasse”

Isola di Dino, Cassiano: “Unione di intenti per superare l’empasse”


Dall’Isola di Dino Club appello a Scopelliti, Lomonaco e Praticò
Obbiettivo rinverdire i fasti turistici ’60 e ’70 dell’Isola di Dino

green multiservice disinfezione

DI ANDREA POLIZZO

PRAIA A MARE – “Confido che il presidente Scopelliti coinvolga le forze deputate allo sviluppo economico e sociale della nostra Regione istituendo, se opportuno, una commissione che sovrintenda alla valorizzazione dell’Isola di Dino di Praia a Mare. Visitandola potrà prendere atto delle condizioni in cui versa e analizzare le problematiche che sto cercando di risolvere. Invano, per mancanza di dialogo ed unione di intenti nella politica e nelle istituzioni locali”.

L’amministratore dell’Isola di Dino Club Srl, Matteo Cassiano (foto), ritorna così sul suo invito al presidente della Regione Calabria a visitare l’isola praiese e a dare un contributo istituzionale per superare la fase di empasse che vive la parte privata. Invito che viene mosso per l’ennesima volta anche alle forze politiche locali.

“All’amministrazione Lomonaco e al consigliere di minoranza Antonio Praticò che conosce perfettamente la reale situazione dell’isola – si legge in un comunicato stampa di Cassiano – chiedo di collaborare ad un cambiamento storico. Loro hanno la responsabilità politica e personale di contribuire al rilancio dell’Isola di Dino”. 

Secondo il giovane imprenditore praiese, l’obbiettivo della sua impresa è quello di rinverdire i fasti dell’Isola di Dino, meta negli anni ’60 e ’70 di vip e vacanzieri internazionali mentre oggi le sue condizioni ambientali sono al limite del degrado.

“Il percorso intrapreso – prosegue la nota – ha raccolto molti pareri favorevoli ma, purtroppo, anche numerose e, in alcuni casi, contraddittorie contestazioni. Comprese quelle dell’amministratore comunale. Inoltre, che si trattasse di operazioni di pulizia dell’ambiente o di eventi promozionali, ho dovuto sempre misurarmi con controlli da parte delle autorità. Resto però dubbioso ­– conclude Matteo Cassiano – sul perché, oggi, non vengo seguito con attenzione e solerzia in un processo importantissimo per la città di Praia a Mare”.



About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Spiagge libere Praia a Mare, ok a noleggio ombrelloni

Lo ha disposto una nuova ordinanza del sindaco Antonio Praticò. Ecco tutte le regole per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright