Home / IN PRIMO PIANO / Frana all'ospedale di Paola, Tansi: “Struttura non a rischio”

Frana all'ospedale di Paola, Tansi: “Struttura non a rischio”


paola-frana-muro-ospedale-arPAOLA – “Al momento non è necessario effettuare alcuna verifica sulla stabilità del pronto soccorso né tanto meno di altre parti del San Francesco di Paola”.

francesco barbir barbiere taglio capelli santa maria del cedro calabria colore acconciature barba

È quanto precisa Carlo Tansi, geologo dell’Istituto di ricerca per la protezione idrogeologica del Cnr incaricato dall’Asp di Cosenza per il monitoraggio della frana sulla collina dell’ospedale di Paola.

Nessun controllo, dunque, sulla stabilità della struttura sanitaria – come aveva chiesto tempo addietro il sindaco di Paola, Basilio Ferrari – nonostante la frana prosegua senza sosta e, particolare che da giorni ha incrementato l’allarme della cittadinanza, il muro di perimetro del pronto soccorso mostri evidenti segni di cedimento.

È chiaro – commenta ancora Tansi – che servono interventi di mitigazione del rischio subito e di definitivo consolidamento entro la prossima estate. Dovesse verificarsi un evento climatico assimilabile a quanto avvenuto di recente in Liguria o in Sardegna il versante potrebbe cedere definitivamente”.

Già intervenire. Ma chi dovrà pagare? Il Comune ha già fatto presente di non essere nelle condizioni economiche per intervenire. L’Asp si ritiene parte lesa nella vicenda. Il privato che ha effettuato gli sbancamenti e le costruzioni su cui indaga la Procura di Paola sostiene la sua innocenza attraverso i propri legali anche contro i rilievi di irregolarità mossi dall’Autorità di bacino calabrese.

Il rischio concreto è che, alla fine, a pagare siano i cittadini. Per questo motivo, la società civile e l’associazionismo paolano sono in fermento. Da più parti si chiedono interventi per fermare la frana, per abbattere le opere ritenute abusive e per riaprire via Telesio: un collegamento viario ritenuto a giusta ragione di fondamentale importanza per la città.

Intanto c’è attesa per gli esiti dell’incidente probatorio che la Procura ha predisposto per il prossimo 28 febbraio e per la consegna della relazione del perito incaricato dal Gip.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Coronavirus Calabria: 669 casi (+10), ma c’è preoccupazione per i tamponi

Secondo il commissario Asp Cosenza il problema è analizzarli. Continua a diminuire il peso su …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright