Home / COMUNI / CETRARO / Sanità, Cesareo: “Se vogliono ospedali fotocopia serve personale”

Sanità, Cesareo: “Se vogliono ospedali fotocopia serve personale”


PAOLA – “La mia disposizione organizzativa è riferita alle emergenze chirurgiche. Queste non possono essere garantite presso l’ospedale di Paola. Non si tratta di chiusure di unità operative”.


Il direttore dello Spoke Paola – Cetraro, Vincenzo Cesareo, ritorna sulla decisione resa nota nella giornata di ieri (leggi qui) e precisa motivi alla sua base e gli effetti.

“Le nuove norme – spiega – sono in contrasto con la grave carenza di personale che si registra. L’unica è accentrare l’emergenza – urgenza su su unico plesso. A Paola sono in servizio solo tre medici anestesisti e altrettanti specialisti in chirurgia. Qui il direttore della radiologia, Antonio Lopez, ha segnalato l’impossibilità di eseguire esami in urgenza sempre per carenza di medici specialisti radiologi. In queste condizioni non è possibile garantire l’emergenza-urgenza nei due stabilimenti ospedalieri dello Spoke”.

Cesareo fornisce anche un esempio. “Se di notte – spiega – un paziente ha bisogno di un intervento chirurgico urgente, a Paola non siamo in grado di garantirlo e allora lo facciamo a Cetraro. A Paola possiamo fare chirurgia di elezione mattina e pomeriggio. La verità – sbotta poi Cesareo – è che se vogliono i due ospedali fotocopia devono garantire il personale”.

Il riferimento è agli ospedali Iannelli di Cetraro e San Francesco di Paola, distanti l’uno dall’altro solo 15 chilometri e che dall’istituzione dello Spoke che li riunisce dall’essere complementari finiscono per essere simili nelle funzioni. Fotocopia, appunto.

La disposizione organizzativa di Cesareo ha suscitato non poche proteste in città a Paola. Non si tratta – come detto dal direttore Spoke – di una chiusura del pronto soccorso. Ma è innegabile che anche questo nuovo episodio sia l’ennesima prova del grave stato in cui versa la sanità del territorio. La prova, inoltre, di come siano solo peggiorate le cose con la riorganizzazione del sistema sanitario regionale lanciata dalla Giunta Scopelliti di centrodestra e che l’attuale governo regionale di centrosinistra non ha affatto corretto.

Quanto alle polemiche suscitate dall’ultimo atto di Cesareo, emerge ancora una volta come la sanità sia terreno di scontro politico piuttosto che di soluzione dei problemi.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Il caso Tortora, ecco perché ci sono ancora tanti positivi

Tempi mostruosi per l’esito dei tamponi e test persi per strada. Il sindaco Iorio intanto: …

One comment

  1. Due ospedali fotocopia nel giro di 15 km, mentre lasciano un comprensorio di quasi 100 mila abitanti senza nemmeno un Capt munito di pronto soccorso, litigando su una nuova TAC e con il fumo negli occhi di un acquisto della nuova ambulanza super tecnologica, non ci vuole la laurea per capire che se i politici continuano a fare gli interessi dei medici che portano voti si va a finire sempre peggio, alla classe politica calabrese in questo caso specifico poco importa della salute dei cittadini della regione..

error: Materiale protetto da copyright