Home / IN PRIMO PIANO / Sanità e territorio, in 48 ore la spoliazione accelera

Sanità e territorio, in 48 ore la spoliazione accelera

PRAIA A MARE – Trebisacce ospedale, Praia a Mare Casa della salute. Il pronto soccorso della clinica privata convenzionata Tricarico di Belvedere Marittimo pronto a chiudere. I sindaci del Tirreno cosentino si incontrano a Scalea e vogliono provvedimenti seri da parte della politica regionale.

aronne pasticceria marcellina santa maria cedro calabria

Sono state 48 ore frenetiche le ultime trascorse sul territorio. La sanità locale incassa l’ennesimo duro colpo e ora si dispiegano le reazioni.

Tutto parte dal decreto 30 assunto lo scorso 3 marzo dal commissario ad acta per l’attuazione del Piano di rientro dai disavanzi del sistema sanitario regionale calabrese, Massimo Scura. L’atto riorganizza le cosiddette reti assistenziali. Nel particolare decide per la riapertura dell’ospedale di Trebisacce e conferma invece lo status di mera Casa della salute per quello di Praia a Mare. Le due strutture smettono dunque di avere una “storia comune”.

Sempre nelle stesse ore, si è appreso che la proprietà della clinica Tricarico di Belvedere Marittimo, struttura privata ma convenzionata con il Ssr calabrese, è pronta a chiudere il servizio di pronto soccorso per motivi economici. (mancanza di pagamenti)

Sommando tutto, la carenza di assistenza sanitaria nel territorio dell’Alto Tirreno cosentino addirittura peggiorerebbe.

Per questo motivo i sindaci, riuniti ieri sera a Scalea (era presente anche il consigliere regionale Giuseppe Aieta) hanno deciso di riunirsi domani, domenica 6 marzo 2016, nella sala consiliare del Comune di Praia a Mare, alle 10.

Nella riunione decideranno cosa e come farlo, ma è già chiaro che imboccheranno la strada di Catanzaro per discuterne con il presidente Mario Oliverio.

“L’intero piano regionale sanitario – scrivono in una nota i sindaci – e in particolare le statuizioni assunte per quanto attiene i comuni ricadenti sul tirreno cosentino deve essere rivisitato, atteso che vengono lesi diritti costituzionalmente garantiti”.

All’incontro sono stati convocati anche rappresentanti istituzionali calabresi a partire da quelli provinciale e regionali, fino alla deputazione parlamentare.

Intanto, sempre nelle stesse 48 ore, sui social media è possibile leggere il nervosismo delle persone comuni per quanto sta accadendo. C’è chi inneggia alla protesta per sovvertire un destino sempre più avverso per la popolazione locale.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

alta velocità tortora praia a mare salerno reggio calabria

Alta velocità Salerno Reggio Calabria, Unione associazioni: “Troppo silenzio nel fase cruciale”

Mentre Rfi ha indetto la conferenza dei servizi sui nuovi tratti di Alta velocità Salerno …