Home / IN PRIMO PIANO / Paola, bollette pazze: spiragli per l’annullamento dei ruoli

Paola, bollette pazze: spiragli per l’annullamento dei ruoli


I cittadini che hanno chiesto di cancellare le “bollette pazze” per il servizio idrico sperano nei controlli dell’autorità.

francesco barbir barbiere taglio capelli santa maria del cedro calabria colore acconciature barba

PAOLA – Acqua, spiragli di speranza per coloro i quali hanno chiesto di annullare i ruoli e stabilire nuove tariffe.

L’autorità per il servizio idrico è in comune. L’attività in corso, dopo le denunce sul “caro bollette” comprenderebbe verifiche e controlli, con vari blocchi di ispezioni nei confronti dei gestori dello stesso servizio a livello territoriale. Nella nostra regione, sono coinvolti in tali ispezioni diversi comuni e la Sorical che distribuisce l’acqua a buona parte della Calabria. Le ispezioni vengono svolte anche avvalendosi dell’opera e della collaborazione attiva da parte del nucleo speciale della guardia di Finanza.

Ispezioni che si dovevano concludere entro marzo 2016 ma è evidente che si sono poi protratte. In comune anche ieri gli ispettori hanno chiesto lumi circa le tariffazioni applicate che erano state denunciate da comitati e movimenti. Ricordiamo che dopo appositi conteggi è emerso che sussisteva un problema nella quantificazione della tariffa poiché era stato applicato un coefficiente ritenuto errato. Inoltre secondo il consulente Franco Calvano e il movimento Cambia Paola era presente una duplicazione di costi rispetto all’appalto.

Calvano era stato preciso. Secondo i suoi conteggi il costo effettivo del metro cubo richiesto ai cittadini era superiore a quello determinato dalla tariffa approvata dal consiglio comunale. Si registrava quindi un surplus di gettito fiscale che non è dato a sapere come doveva essere conteggiato in bilancio. Da una stima statistica sulle bollette analizzate è emerso che il surplus medio era del 30percento.

Si tratterebbe quindi di “verifiche ispettive nei confronti di gestori del servizio idrico integrato in materia di determinazione delle tariffe d’ufficio e di esclusione dall’aggiornamento tariffario per il primo periodo regolatorio 2012-2015”.

Esse sono volte in particolare al controllo dei corrispettivi applicati agli utenti e alla verifica del rispetto delle tariffe determinate d’ufficio e dell’esclusione dall’aggiornamento tariffario. Nel deliberato dell’autorità si prevede anche, nell’ambito delle verifiche ispettive, in relazione alle esigenze delle medesime “la richiesta di documentazione e informazioni possa essere estesa all’ente d’ambito o soggetto competente per ciascun territorio”.


About Francesco Maria Storino

Attualmente collaboratore della Gazzetta del Sud ha lavorato per La Provincia, Comunità 2000, Edizioni master, Il Quotidiano della Calabria e Corriere dello Sport. Cura particolarmente la cronaca giudiziaria.

Check Also

Coronavirus Buonvicino, deceduto paziente in terapia intensiva

Era stato ricoverato sin dalle prime battute del focolaio. Prima vittima nel territorio dell’Alto Tirreno …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright