Home / IN PRIMO PIANO / Paola, la Sovrintendenza blocca mezzo centro sportivo

Paola, la Sovrintendenza blocca mezzo centro sportivo


Mega centro sportivo polivalente di Paola: la sovrintendenza impone prescrizioni e ora serve un parere favorevole. Si va verso il dimezzamento delle opere previste.

francesco barbir barbiere taglio capelli santa maria del cedro calabria colore acconciature barba

PAOLA – È giunto l’ok dalla conferenza dei servizi al mega centro sportivo polivalente che dovrà essere realizzato in località Pantani di Paola.

Ma, forse, si assisterà a un dimezzamento delle opere e non di poco conto. La sovrintendenza si sarebbe, a quanto pare, messa di mezzo al progetto imponendo prescrizioni non di poco conto e adesso serve un parere favorevole. Forse la vicinanza alla costa costituirebbe un intoppo.

Il dipartimento regionale ambiente e territorio aveva a suo tempo dato il suo benestare in attesa della conferenza dei servizi che il comune ha poi convocato in merito.

L’intervento, da approvare in variante allo strumento urbanistico cittadino vigente, è definito di interesse collettivo. Consiste nella realizzazione di un complesso sportivo composto da un palazzetto con piscine coperte, due piscine scoperte, due campi scoperti di calcetto, tre campi di beach volley, due campi da tennis di cui uno coperto e infine un palazzetto dello sport. Le medesime strutture sono da ubicare su un’area di ben 20mila 323 metri quadrati. Un vero “lusso” per una città come Paola.

Il dipartimento ambiente, quindi, esaminate le documentazioni amministrative e gli elaborarti tecnici trasmessi e integrati, ha espresso parere favorevole all’approvazione del progetto subordinatamente all’osservanza di condizioni e prescrizioni del dipartimento ambiente, del dipartimento lavori pubblici, della Provincia di Cosenza, delle ferrovie dello Stato.

Inoltre rileva che la nuova destinazione deve essere recepita anche dal Psc. Infine impone che sia stipulata la convezione per la cessione degli standard al comune.

Il delegato delle committenti private, l’avvocato Graziella Idone, ha fatto presente in sede di conferenza dei servizi che formulerà delle osservazioni alla Sovrintendenza con riferimento alle prescrizioni contenute nel parere espresso ritenendo non pienamente fondate le esclusioni dei campi di gioco. Osservazioni che il legale ritiene possano essere recepite nel parere definitivo dalla Sovrintendenza e pertanto ha chiesto che nel prossimo permesso a costruire venga recepito il parere definitivo del suddetto ente.


About Francesco Maria Storino

Attualmente collaboratore della Gazzetta del Sud ha lavorato per La Provincia, Comunità 2000, Edizioni master, Il Quotidiano della Calabria e Corriere dello Sport. Cura particolarmente la cronaca giudiziaria.

Check Also

Coronavirus: ci mancavano gli idioti dell’orrore

EDITORIALE ||| Una citazione d’autore per riflettere su quel che succede nella rete. L’allarmismo sul …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright