Home / COMUNI / Emergenza incendi: presidi del consorzio contro i piromani

Emergenza incendi: presidi del consorzio contro i piromani


Il Consorzio di bonifica del Tirreno cosentino punta a intimidire i piromani con presidi a tutela delle aree boschive sensibili. Operai dell’ente chiamati a razionalizzare le ferie per garantire la sorveglianza. Disposizione di servizio del direttore dei lavori del consorzio, Ugo Manco.


SCALEA – Intimidire l’azione dei piromani presidiando le zone sensibili.

É quanto disposto dal Consorzio di bonifica integrale dei bacini del Tirreno cosentino per fronteggiare l’emergenza incendi di questo periodo.

Il direttore dei lavori del consorzio, Ugo Manco, con proprio ordine di servizio ha inoltre stabilito una razionalizzazione delle ferie per fare in modo che sui cantieri siano sempre presenti almeno due operai idraulico-forestali.

I presidi riguarderanno in particolare “vie di accesso ai boschi e ogni altra zona ritenuta idonea a intimidire l’azione dei piromani”.

L’ordine è stato consegnato ai capi operai e capisquadra di tutti i cantieri, al commissario del consorzio, Domenico Macrì, e al direttore del servizio forestale Domenico Bruni.

consorzio bonifica tirreno cosentino sede
la sede del Consorzio di bonifica integrale dei bacini del Tirreno cosentino a Scalea

Il testo della disposizione di servizio

“È ormai noto a tutti come il fenomeno degli incendi abbia fatto riscontrare, negli ultimi giorni, una recrudescenza tale da renderlo attenzionato ad ogni livello istituzionale e non. Naturalmente il tutto aggravato dalle non favorevoli condizioni climatiche: caldo afoso e nessuna precipitazione.

Ciò stante, nella considerazione che questo ente muovendosi per tempo ha attivato sia le squadre di pronto intervento Aib che il servizio di avvistamento. E che pertanto è assolutamente doveroso procedere all’ottimizzazione dell’operato di tutto il personale attraverso una proficua azione di coordinamento nella prevenzione incendi.

Si dispone che tutte le squadre che allo stato sono allocare al servizio canonico, vengano distribuite in cantieri da ubicare in posizioni strategiche. In prossimità di vie di accesso ai boschi e ogni altra zona ritenuta idonea a intimidire l’azione dei piromani.

Resta inteso che, in questo particolare periodo dell’anno, eventuali ferie da godere, ove strettamente necessario, vengano programmate in modo tale da garantire la presenza nei summenzionati cantieri di almeno due operai.

Si confida nella collaborazione di tutti per salvaguardare il più possibile il nostro eccellente patrimonio boschivo”.


About Redazione

Tutti gli articoli frutto delle richieste di diffusione di comunicati stampa sono curati dalla Redazione di www.infopinione.it. Mail to: redazione@infopinione.it

Check Also

Scalea, registrato un nuovo incremento dei casi attivi Covid-19

+20 nuovi positivi nelle ultime 24 ore a fronte di sole 7 guarigioni. Il totale …