Home / RUBRICHE / DIO NELLA CITTÀ / Più spazio al tu

Più spazio al tu


Riflettiamo sulle nostre relazioni con l’altro. Quelle autentiche necessitano dello sforzo di mettere da parte ”io” per dare spazio al “tu”. Il sacrifico è ripagato dall’amore ma ne beneficiamo anche in termini di valori sociali.

Basta una persona buona perché ci sia speranza! E ognuno di noi può essere questa persona! Ciò non significa disconoscere o dissimulare le differenze e i conflitti. Non è legittimare le ingiustizie personali o strutturali [Papa Francesco]

DIO NELLA CITTA’ – NUMERO 14, domenica 10 settembre 2017 – Il tempo nel quale viviamo è carico di ansie, progetti e tensioni che spesso soffocano la gioia e lo stupore dell’essere venuti al mondo.

Un mondo ci lasciamo alle spalle che forse ci sembrava troppo antiquato e fallimentare, ma la costruzione del nuovo richiede qualità elevate. Una interessante icona bizantina esprime il significato della comunione e della fraternità, riproducendo un monaco giovane che porta sulle spalle uno più anziano. Il giovane porta su di sé il vecchio e il debole, soltanto così potrà andare avanti con la speranza di costruire un futuro degno di ogni essere umano.

Il mondo che ci aspetta lo costruiamo noi, innanzitutto alimentando la fiducia e la disponibilità alle sane relazioni. Le relazioni chiedono apertura e impegno, chiedono di lasciare spazio al “tu” e non solo all’”io”. Ogni relazioni autentica costa sacrificio però dona la gioia dell’amore che vince ogni solitudine. Riscoprire la bellezza delle relazioni prevede però una forte simpatia con la nostra e altrui fragilità: amare infatti vuol dire accettare l’altro con tutti i suoi limiti.

Una certa cultura del benessere e della mediocrità, ci ha abituati ad un tenore di vita artificiale in cui trovano spazio relazioni plastificate: costruite a tavolino e senza coinvolgimenti personali.

Riscoprire il gusto delle relazioni ci apre ad una società più responsabile e affidabile in cui prima di tutto viene la persona con i suoi diritti e i suoi doveri. La società cambia quando si vivono relazioni pienamente umane, nella famiglia e nelle amicizie più diffuse. La società invoca relazioni rinnovate che siano innanzitutto responsabili dell’altro che ci sta accanto soprattutto se più fragile e vulnerabile.


About Roberto Oliva

Laureato in Beni culturali presso l’Università della Calabria, studente di teologia presso la PFTIM-Catanzaro. Cura un blog su papaboys.org e collabora con Korazym.org e Il Sismografo. Per Infopinione redige la rubrica Dio nella città.

Check Also

Maratea, scossa di terremoto nella notte di sabato

Ancora un terremoto con epicentro Maratea e avvertito nel Lagonegrese, Alto Tirreno cosentino e Sud …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright