Home / COMUNI / ACQUAPPESA / Erosione, sul Tirreno cosentino situazione allarmante

Erosione, sul Tirreno cosentino situazione allarmante


Il responsabile della Protezione Civile regionale, Carlo Tansi  scrive al Prefetto, alla regione e ai sindaci. In un dettagliato documento si fa presente l’avanzamento dell’erosione. E in particolare la situazione attuale nei comuni di Fuscaldo, Tortora, Acquappesa e Bonifati.

PAOLA – “Interventi urgenti e non più procrastinabili”. Il responsabile della Protezione civile regionale Carlo Tansi scrive al Prefetto di Cosenza sull’emergenza in atto sul litorale. L’erosione costiera avanza e la popolazione fronteggia situazioni di costante pericolo.

Tansi in un dettagliato studio illustra il collasso di quattro comuni della costa: Fuscaldo, Acquappesa, Bonifati e Tortora. Paesi marinari distrutti dai marosi. I sindaci sono invitati non solo a interdire le aree a rischio, ma anche a sgombrare abitazioni che possono essere coinvolte dal moto ondoso.

“Occorre dare impulso – spiega Tansi – con la massima urgenza a tutte le attività relative alla programmazione e all’attuazione degli interventi strutturali finalizzati alla mitigazione del rischio con particolare riferimento a quelli già programmati e dotati di opportuna copertura finanziaria ma che non risultano ancora attuati”.

L’auspicio? “Uno snellimento – si legge nel documento della protezione civile – delle procedure autorizzative che in tali condizioni di criticità rischiano di compromettere l’efficacia degli interventi”.

tansi mollo bonifati mareggiata 2017 erosione costiera
Da sinistra, Carlo Tansi e Antonio Mollo

Lo studio

I tratti esaminati dalla Protezione civile risultano interessati da dissesti diffusi generati da fenomeni di erosione costiera piuttosto spinti, che sono stati localmente aggravati dalle forti mareggiate.

Negli ultimi 50/60 anni, lungo ampi tratti del litorale sono stati effettuati interventi di protezione che hanno contribuito a un processo di generalizzato degrado dei vari ambienti costieri. Innanzitutto c’è da registrare la riduzione degli apporti detritici fluviali (che alimentano i litorali), dovuta alla costruzione di dighe e briglie lungo i fiumi. Quindi ai prelievi di materiale dagli alvei e alle sistemazioni idraulico-forestali nei bacini montani. Senza dimenticare l’eccessivo utilizzo delle fasce costiere per insediamenti e attività economiche. Questo ha portato all’estensione dei fronti edificati, spingendoli sempre più verso la battigia, e allo smantellamento delle dune costiere (naturali serbatoi di sabbia) per far posto a centri abitati, villaggi e porti turistici. E non da ultimo la modifica o l’interruzione del trasporto solido litoraneo per la costruzione di porti o delle stesse opere di difesa costiera.

“Ai fini di una corretta progettazione e realizzazione delle opere costiere – scrive Tansi – è necessaria una propedeutica valutazione dei caratteri del moto ondoso e dei processi idrodinamici nella fascia litoranea, dagli aspetti geotecnici e geoidrologici, e delle procedure di costruzione”.

Distretto idrografico dell’Appennino meridionale, autorità di bacino, dipartimenti infrastrutture e ambiente, commissario delegato per la mitigazione dei rischio idrogeologico, sono chiamati a porre in atto in tempi brevi le dovute iniziative. I sindaci invece ad attivare i piani di protezione comunale necessari.

Si fa presente inoltre che: “molte tipologie di opere effettuate lungo la costa tirrenica cosentina sono risultate in alcuni casi inadeguate poiché realizzate in modo parziale e non inquadrate in un contesto progettuale di scala adeguata. In tal modo le opere costiere hanno rappresentato un ostacolo al libero propagarsi del moto ondoso e al trasporto di sedimenti, dando così luogo ad alterazioni degli equilibri in zone limitrofe a quella di intervento”.


About Francesco Maria Storino

Attualmente collaboratore della Gazzetta del Sud ha lavorato per La Provincia, Comunità 2000, Edizioni master, Il Quotidiano della Calabria e Corriere dello Sport. Cura particolarmente la cronaca giudiziaria.

Check Also

Scalea, gli artisti di strada tornano in piazza

La città in fermento per la quinta edizione di Scalea in piazza. Gli organizzatori annunciano: …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright