Home / IN PRIMO PIANO / Paola, tasse alle stelle: arrivano tagli ai costi per abbassarle

Paola, tasse alle stelle: arrivano tagli ai costi per abbassarle


Persiste ancora il problema di reperire le somme per liquidare i piccoli creditori. Molti soldi sono stati utilizzati per portare a compimento grosse transazioni

PAOLA – L’obiettivo è far quadrare quei conti che per troppo tempo hanno rappresentato un problema per il Comune di Paola, ma nel contempo abbassare le tasse alle stelle.

Con due provvedimenti, uno già concretizzato e l’altro in arrivo, l’amministrazione Perrotta vuole mantenere le sue promesse con i cittadini.

Per giungere a questi provvedimenti le manovre economiche sono all’attenzione del vicesindaco Tonino Cassano, che ha la delega alle Finanze. Riguardano acqua e spazzatura. Il bilancio 2019 si dovrà distinguere dai precedenti per i tagli ai costi e di conseguenza alle tasse.

Per la spazzatura le somme risparmiate sinora si trasformeranno in meno tasse il prossimo anno. Ci saranno conguagli sulle tariffe 2019.

Stessa cosa sarà fatta per l’acqua, appena si faranno i conti sul recupero economico concretizzato. In questo caso ci sarà da restituire anche le eccedenze pagate, secondo l’Aeegis (Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico), oggi denominata Arera, nei precedenti anni caratterizzati dal dissesto economico finanziario.

Per l’acqua la delibera di giunta relativa sarà fatta non appena verrà pagata l’ultima rata di transazione con Sorical. Il suddetto conguaglio dovrebbe essere di 400 mila euro totali.

Sulla Tari invece i conti iniziali di risparmio sono stati dimezzati da un’altra manovra.

“In effetti, a riguardo della spazzatura – si spiega in comune a Paola – si è dovuto utilizzare 600 mila euro per coprire un debito fuori bilancio: il conferimento in discarica relativo al 2015. Il risparmio senza questo debito sarebbe potuto essere di 1 milione e 300mila euro”.

La giunta. Da sinistra Perrotta, cassano, De Cesare e Saragò
La giunta del Comune di Paola. Da sinistra: Perrotta, Cassano, De Cesare e Saragò

Somme che quindi ritorneranno nelle tasche dei cittadini di Paola che hanno regolarmente pagato negli anni caratterizzati da dissesto e tasse alle stelle. Tasse che in alcuni casi sono state versate in precedenza in eccesso. In merito ci sarà anche da verificare se la stessa autorità applicherà o meno sanzioni per l’ente.

Ancor prima ci sarà in ogni caso da approvare l’assestamento di bilancio 2018. In consiglio comunale si dovrebbe giungere a fine novembre, al massimo a dicembre. E ci saranno da approvare anche i debiti fuori bilancio la cui entità ancora non è chiara.

In ogni caso in comune continua a persistere la cronica questione relativa alla liquidità corrente. Un problema atavico per Paola. C’è una mole di piccoli creditori che sono da tempo da soddisfare.

In ogni caso l’amministrazione ha optato di utilizzare in questa prima fase di governo la gran parte della liquidità per fare le transazioni sui debiti pregressi che hanno permesso all’ente di risparmiare alcuni milioni di euro.


About Francesco Maria Storino

Attualmente collaboratore della Gazzetta del Sud ha lavorato per La Provincia, Comunità 2000, Edizioni master, Il Quotidiano della Calabria e Corriere dello Sport. Cura particolarmente la cronaca giudiziaria.

Check Also

Belvedere Marittimo, nuovo crollo nel depuratore comunale

Ancora una volta ha ceduto la parete di una delle vasche dell’impianto cittadino di località …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright