Home / COMUNI / AIETA / Calabria Zona Rossa, c’è chi dice “Ora basta”

Calabria Zona Rossa, c’è chi dice “Ora basta”


I cittadini di Praia a Mare, Aieta e Tortora chiamati oggi alla protesta di strada. “Indossate un indumento rosso simbolo di dissenso”.


In strada per dire Ora Basta, contro il commissariamenteo della sanità calabrese e contro la dichiarazione di Zona Rossa Covid per la Calabria.

Oggi pomeriggio è in programma una protesta alla quale sono stati chiamati a partecipare i cittadini dei comuni di Praia a Mare, Aieta e Tortora.

Una manifestazione in linea con altre che con il passare delle ore si stanno organizzando in diversi centri calabresi.

Sono in molti a considerare “ingiusta” o “immotivata” la dichiarazione di Zona Rossa Covid della Calabria, annunciata ieri sera dal premier Conte.

All’incirca nelle stesse ore è stato creato un Gruppo Facebook, privato e quindi visibile solo a chi ne fa parte, denominato Ora Basta. Al momento in cui si scrive conta poco meno di 3 mila iscritti.

In esso è confluito il malcontento di molti cittadini contrari all’inclusione della Calabria tra le regioni destinatarie di regole più stringenti (lockdown).

La manifestazione annunciata prevede un raduno alle 16 e 30 in Piazza Stella Maris di Tortora.

Si attenderà l’arrivo dei commercianti dei paesi interessati fino alle 18. Poi, partirà un corteo diretto allo svincolo della Ss 18 a Tortora Nord.

Ai partecipanti i promotori hanno garantito l’assenza di “infiltrazioni politiche” nell’organizzazione della protesta e hanno suggerito di “indossare un capo di abbigliamento rosso, simbolo della protesta stessa”.

green multiservice disinfezione

About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Il caso Tortora, ecco perché ci sono ancora tanti positivi

Tempi mostruosi per l’esito dei tamponi e test persi per strada. Il sindaco Iorio intanto: …

error: Materiale protetto da copyright