Home / COMUNI / Ospedale unico Tirreno cosentino: la proposta del sindaco di San Lucido, Cosimo De Tommaso

Ospedale unico Tirreno cosentino: la proposta del sindaco di San Lucido, Cosimo De Tommaso

L’idea Ospedale unico Tirreno cosentino: chiudere gli ospedali vecchi e fatiscenti di Cetraro e Paola per una struttura ex novo in posizione strategica da Tortora ad Amantea.

bigmat fratelli crusco grisolia

Un Ospedale unico per il Tirreno cosentino, da costruire ex novo e da collocare in una posizione il più possibile baricentrica nel vasto territorio compreso tra Tortora e Amantea. È questa la proposta che viene lanciata da Cosimo De Tommaso, sindaco del Comune di San Lucido.

Una proposta che parte da un presupposto: il superamento del “doppio ospedale” Paola-Cetraro e, dunque, la dismissione del ‘San Francesco’ e del ‘Giovanni Iannelli’. “Bisogna pensare – spiega il primo cittadino – a un ospedale nuovo, che abbia tutti i reparti necessari, da realizzare al posto delle strutture paolana e cetrarese le quali, obbiettivamente, sono fatiscenti e comunque non rispondenti ai canoni previsti per gli ospedali moderni”.

Ospedale Unico Tirreno cosentino: dove?

ospedale unico tirreno cosentino
Cosimo De Tommaso, sindaco del Comune di San Lucido

SEGUI INFOPINIONE SU GOOGLE NEWS

Quanto alla ipotetica dislocazione su un territorio molto ampio e tenendo conto anche del depotenziamento di servizi che negli ultimi dieci anni si è registrato nell’area Nord, questa la posizione di De Tommaso. “Sotto questo aspetto bisogna superare i campanilismi”, risponde. “Bisognerà individuare l’area migliore tenendo però in conto non solo fattori geografici, ma anche strutturali, come la vicinanza agli accessi all’autostrada, ad esempio”. 

L’essenziale è però “che sia un ospedale realmente operativo ed efficiente, perché si tende a dimenticare – aggiunge il sindaco di San Lucido – che la qualità dei servizi in sanità è ciò che conta di più. È questo che i cittadini vogliono”.

Una nuova struttura: come?

L’idea, ovviamente, per andare in porto dovrebbe riscontrare il favore della volontà politica calabrese, oltre che determinare uno stravolgimento di ogni piano ospedaliero attualmente in atto o in divenire. “Ne ho già discusso con alcuni sindaci del territorio, trovando disponibilità a spendersi per questo progetto, ma avrò le idee più chiare in un futuro incontro, allargato a tutti i primi cittadini del Tirreno cosentino. Poi potrà partire la fase di concertazione a livello regionale”.

De Tommaso: “Paola o Cetraro? Guerra dei poveri”

SEGUI INFOPINIONE SU TELEGRAM

Attualmente, a seguito del piano di riordino della rete ospedaliera locale c’è la possibilità che la Chirurgia presente a Paola venga spostata a Cetraro. In merito De Tommaso afferma: “A me sembra una lotta tra poveri.

La Chirurgia dove non c’è anche Rianimazione a cosa serve? In generale, è importante che un reparto così fondamentale si trovi in una struttura efficace, dove sono presenti tutti i reparti e i servizi annessi. Un ospedale unico del Tirreno cosentino serve anche ad evitare una volta per tutte questi controsensi. Basta – conclude De Tommaso – con lo spostamento di reparti da una parte all’altra senza risultati a favore dei cittadini”.

mary ristorante pizzeria santa maria del cedro calabria

About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

tari praia santa maria del cedro

Santa Maria del Cedro, approvato il piano Tari e le tariffe. Opposizione critica

Il Consiglio comunale di Santa Maria del Cedro ha licenziato gli atti relativi alla Tari …