Home / CRONACA / Scalea, in carcere per maltrattamento su minori

Scalea, in carcere per maltrattamento su minori


pubblicità_biagio_promo_insideSCALEA – Dopo averlo picchiato lo hanno lasciato solo in casa per ore. Sono stati arrestati i genitori del bimbo di cinque anni che lo scorso luglio a Scalea era stato riempito di botte e abbandonato in lacrime. A seguito di accurate indagini, i carabinieri della locale compagnia hanno eseguito due ordini di custodia cautelare con l’accusa di maltrattamenti e abbandono di minore.

Il padre, ventottenne pakistano è stato trasferito al carcere di Paola. Alla madre invece, trentenne lituana, sono stati concessi gli arresti domiciliari e la custodia del figlio dopo aver seguito per mesi un programma di reinserimento del minore in famiglia.

I fatti risalgono a fine luglio. Il bimbo viene lasciato in casa, un appartamento in via Tommaso Campanella, dopo aver subito violenze da parte dei genitori. Alcuni vicini lo sentono piangere e lamentarsi e non riuscendo a contattare i genitori si rivolgono ai carabinieri. Insieme agli agenti della polizia municipale di Scalea, i militari fanno irruzione in casa e davanti a loro trovano il piccolo in lacrime, spaventato e con evidenti segni di maltrattamento.

In quella stessa circostanza i carabinieri allertano il 118 per un immediato soccorso. Dopo le prime cure, il bimbo viene trasferito d’urgenza all’ospedale Iannelli di Cetraro. I medici riscontrano subito lividi ed escoriazioni su tutto il corpo, ecchimosi al torace, al dorso e alla spalla. Ricoverato, il bimbo resta in ospedale con una prognosi di 20 giorni, affidato alle cure dei dottori e degli assistenti sociali.

La giovane coppia si era allontanata da Scalea. Dalle indagini dei militari risulta che i neogenitori si erano recati a Napoli, assentandosi da casa per molte ore, dalle 19 fino a tarda sera quando hanno fatto ritorno a Scalea. Subito denunciati, ai due veniva tolta la custodia del figlio.

Ora il bimbo sta bene ed è tornato a vivere insieme alla madre che comunque dovrà scontare i domiciliari. Fino a pochi giorni fa il piccolo è stato assistito dal personale dei servizi sociali in una casa famiglia di Cetraro, dove ha seguito un programma di reinserimento in famiglia al quale è stata sottoposta anche la madre.


About Pierina Ferraguto

Giornalista pubblicista dal 2013. Laureata in Filosofia e scienze della comunicazione e della conoscenza all'Università della Calabria. Dal 2006 al 2008 lavora come stagista nella redazione di Legnano de Il Giorno. In Calabria lavora con testate regionali di carta stampata e televisive.

Check Also

Incendi in Calabria, domato incendio a Castrolibero

Alimentato dal vento. In fiamme un bosco vicino ad alcune abitazioni. In azione vigili del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright