Home / COMUNI / CETRARO / Cetraro, la Procura indaga sull’ospedale

Cetraro, la Procura indaga sull’ospedale

pubblicità_biagio_promo_insideCETRARO – Una determina del direttore del distretto sanitario del Tirreno che sospende le prestazioni di Odontoiatria sociale al Iannelli di Cetraro finisce sulle scrivanie di autorità giudiziaria e forze dell’ordine.

bigmat fratelli crusco grisolia

Del provvedimento, infatti – come si legge nel documento stesso regolarmente pubblicato oggi sull’albo pretorio dell’Azienda sanitaria provinciale di Cosenza – sono stati informati il Prefetto di Cosenza, Gianfranco Tomao, il procuratore capo di Paola, Bruno Giordano, e il comandante dei Nas di Cosenza.

Dalla Procura, ovviamente, si mantiene il riserbo. Ma risulta che sulla vicenda ci siano un procedimento e indagini in corso. Resta da capire su quali fatti gli investigatori stiano cercando di gettare luce.

Quanto alla decisione del direttore del distretto, Giuliana Bernaudo, è stata stabilita la sospensione delle prestazioni di Odontoiatria presso il ramo cetrarese dello Spoke Paola – Cetraro per una prossima riapertura del servizio presso il Centro di assistenza primaria territoriale di Praia a Mare.

Alla base dell’interruzione c’è l’incompatibilità, accertata già ad ottobre del 2013 da un esperto dell’Asp, fra l’ambulatorio odontoiatrico e il servizio di Radiodiagnostica lamentata dal direttore dell’Unità operativa complessa Antonio Lopez nel novembre dell’anno scorso e, da ultimo, con una nota dello scorso 19 febbraio.

L’inconciliabilità dei due servizi nei medesimi ambienti, viene indicata dal responsabile di Radiodiagnostica come causa dei ritardi nel rilascio del benestare per installare nuove apparecchiature “già acquistate – si legge nella determina della Bernaudo – e necessarie per garantire i Lea”.

Si evince inoltre che la sospensione del servizio di Odontoiatria è stata decisa lo scorso 20 febbraio dopo che il direttore del distretto sanitario l’aveva proposta una settimana prima alla direzione generale dell’azienda sanitaria.

Non avendo sortito alcuna reazione, il direttore del distretto sanitario è passato ai fatti dal momento che le prestazioni in questione rientrano nella sua competenza essendo incluse nel livello di assistenza territoriale.

Le attrezzature dell’ambulatorio di Cetraro – si legge nella determina firmata da Giuliana Bernaudo – possono essere allocate presso il Capt di Praia a Mare dove sono presenti locali adeguati e dove opera un medico anestesista, ripristinando la natura territoriale del servizio”.

A quanto si apprende, l’iter per il trasferimento delle attrezzature ambulatoriali da Cetraro a Praia a Mare potrebbe iniziare già nei prossimi giorni.

bigmat fratelli crusco grisolia

About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Impianti solari ospedali Calabria

Impianti solari ospedali Calabria mai entrati in funzione: 5 persone a giudizio per danno erariale da 1,5 milioni di euro

5 tra dirigenti pubblici e professionisti a giudizio per danno erariale di 1,5 milioni di …

One comment

  1. finalmente dopo la scelta della bernaudo a praia non si morirà più
    di mal di denti ma si potrà continuare a morire di infarto e soprattutto i nostri malati potranno fare centinaia di km alla ricerca di un posto letto e i nostri morti potranno essere pianti nelle sale mortuarie degli ospedali di cetraro,paola,cosenza .
    Le prestazioni del capt di praia che dovevano ridurre i disagi della chiusura dell’ospedale sono molto lente e soggette agli umori degli operatori e alle beghe dei dirigenti
    Sarebbe interessante sapere come è cambiata la mortalità nella
    zona di praia dalla chiusura dell’ospedale ad oggi