Home / CRONACA / San Sago dissequestrato, Lamboglia: “Non ci fermiamo”

San Sago dissequestrato, Lamboglia: “Non ci fermiamo”


GS_inside_arTORTORA – “Chiederemo alla Procura di ricorrere in Cassazione contro la decisione del tribunale del Riesame di Cosenza”.


Il giorno dopo la diffusione della notizia del dissequestro dell’impianto di San Sago, il sindaco di Tortora Pasquale Lamboglia, preannuncia l’intenzione di sollecitare l’autorità giudiziaria a non mollare.

Lo scorso 16 marzo il riesame ha ordinato alla guardia di finanza di dissequestrare il depuratore di rifiuti liquidi speciali pericolosi e non oggetto di un procedimento per reati ambientali attualmente in fase preliminare presso il tribunale di Paola.

Ma l’intenzione del Comune di Tortora è di giocare ad oltranza anche la partita presso il Tribunale amministrativo regionale al quale Ecologica 2008 si è rivolto per chiedere di revocare l’ordinanza sindacale di chiusura dell’impianto. Ordinanza che, ancora oggi e nonostante il dissequestro, tiene ferme le attività di trattamento rifiuti a San Sago.

Abbiamo contemplato – ha detto in merito Lamboglia – la possibilità che il Tar accolga il ricorso del privato. Se così dovesse andare, vorrà dire che ne faremo un’altra. Non ci tiriamo indietro – ha poi aggiunto il primo cittadino – e siamo pronti anche ad opporci ad una decisione per noi negativa del tribunale amministrativo presentando nuovi fatti emersi dalle nostre consulenze di parte. In ultima analisi resterebbe ancora il Consiglio di Stato cui appellarci dopo le determinazioni del Tar”.

Su San Sago, dunque, è sempre più battaglia legale. Ieri, Giuseppe Belvedere, l’avvocato difensore dei tre dipendenti della Ecologica 2008 indagati dalla Procura della Repubblica di Paola, aveva commentato positivamente la decisione del Riesame e preannunciato che, qualora il Tar dovesse accogliere positivamente il ricorso presentato contro l’ordinanza sindacale di chiusura, sarà chiesto al Comune di Tortora un risarcimento danni.

Neanche di fronte a ciò – ha commentato Lamboglia – ci tireremmo indietro. Preferiamo pagare un risarcimento piuttosto che permettere ancora danni all’ambiente e rischi per la salute dei cittadini”.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Reddito di cittadinanza: cerco lavoro da due anni, ma sono troppo qualificato

Una storia reale dal Tirreno cosentino. Una come tante, infarcita di delusione e rabbia. “Mi …