Home / RUBRICHE / DIO NELLA CITTÀ / Nuovi fondamentalismi: la Chiesa sia baluardo di antifascismo

Nuovi fondamentalismi: la Chiesa sia baluardo di antifascismo


Una riflessione sull’impegno della Chiesa nella resistenza ai nuovi fondamentalismi a 70 anni dalla Costituzione italiana.


DIO NELLA CITTA’ – NUMERO 17, sabato 10 febbraio 2018 – Nell’attuale contesto storico emergono – non solo a livello nazionale – numerosi episodi di natura fondamentalista che insidiano le storiche democrazie, i processi di indipendenza di numerosi Stati e la credibilità di ogni credo religioso.

Il rischio che si corre, infatti, è di ritornare a desueti e rigidi sistemi politici. Desueti, cioè superati quando rimandano ad un periodo storico precedente la promulgazione di innovativi modelli costituzionali, e rigidi quando rievocano forme politiche di natura oligarchica o dittatoriale.

Anche i recenti casi di xenofobia sono legati ad una visione politica nazionalistica che esclude la solidarietà e l’apertura verso gli immigrati, coltivando inconsciamente il mito dell’inesistente razza pura. Di fronte all’attuale contesto culturale definito per lo più “liquido”, è facile pertanto scadere in simili radicalizzazioni con evidenti ripercussioni sul tessuto sociale e religioso.

Pertanto, se la Chiesa intende seguire realmente le orme del suo Maestro e schierarsi dalla parte dei poveri e dei deboli, senta la necessità di mostrarsi quale madre premurosa anche in questioni di natura sociale e politica. L’attuale smarrimento politico al quale assistiamo da decenni, richiede da parte della Chiesa una solida consapevolezza storica. Come già scrisse Vico, i corsi e i ricorsi storici ai quali non possiamo mettere troppi argini si combattono solo con una valida formazione politico-cultuale.

Di fronte ai rigurgiti di antichi e moderni fondamentalismi, la Chiesa rimane la voce libera a favore di un’umanità affrancata da ogni forma di schiavitù o degrado. La storia ci ha insegnato che l’atteggiamento omertoso della Chiesa talvolta ha favorito comportamenti politici non rispettosi della dignità di ciascun essere umano e dei processi democratici.

Perciò, di fronte ai nuovi fondamentalismi politici – o neofascismi in Italia – e di fronte al vuoto della politica attuale, la Chiesa diventa luogo privilegiato attraverso il quale ri-annunciare la possibilità di costruire la società attraverso una nuova relazionalità.

La politica, dunque, diventa contributo fondamentale all’edificazione di un mondo più giusto e fraterno. La Chiesa può e deve contribuire attraverso una profetica azione politica in chiave anti-fondamentalista e attraverso la riscoperta della formazione sociale e politica che passa dallo studio attento della Costituzione italiana, che lo scorso 27 dicembre ha compiuto i suoi 70 anni.

L’antifascismo è innanzitutto culturale – come ha sottolineato sempre Aldo Cazzullo sul Corriere della Sera lo scorso 12 dicembre –. Composto cioè da numerosi atteggiamenti che richiedono un’urgente bonifica: xenofobia, scarsa responsabilità civile e politica, violenza, omofobia, discriminazioni di ogni genere.

La lotta partigiana e la Resistenza del secolo scorso non furono espressione di un partito isolato dal quale erano esclusi i cattolici, ma fu un’esigenza di popolo, un’urgenza di liberazione dal dominio fascista in vista della promulgazione di una Carta Costituzionale in una Repubblica democratica. A tal proposito è interessante menzionare la figura profetica di don Giuseppe Dossetti, emblema di una Chiesa promotrice del bene integrale di tutti gli uomini i quali, oltre ad essere credenti sono innanzitutto cittadini.

“Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese” (articolo 3 della Costituzione italiana).

La Chiesa dunque, si fa promotrice di una formazione sociale antifascista nella misura in cui si fa promotrice di una cultura dell’incontro e dell’inclusione, tanto auspicata da Papa Francesco anche a livello internazionale.

La Chiesa riuscirà in questa missione soltanto se – profeticamente – saprà invitare alla disobbedienza e alla resistenza qualora una moda culturale o una corrente politica fondamentalista, impongano un pensiero dominante in grado di intaccare la dignità delle persone e il cammino democratico delle nazioni. Questa missione ecclesiale richiede di recuperare un sano discernimento evangelico avulso dalle logiche dei partiti, ma immerso nelle gioie e nelle speranze, nelle tristezze e nelle angosce degli uomini di oggi – dei poveri soprattutto – scartati da un sistema che mette al centro il profitto.

I valori della Resistenza non sono pertanto riconducibili ad un solo partito politico, ma esprimono il vissuto e i desideri dei nostri antenati, i quali hanno pagato di persona questa lotta per la liberazione, che oggi viene accantonata dall’amnesia storica dilagante. I giovani sono le prime vittime di questa amnesia provocata causalmente dagli inconsistenti programmi scolastici e dalla scarsa formazione politica e culturale, che sembra essere delegata a pochi interessati nell’indifferenza dei più.

La Chiesa – alla luce del prossimo Sinodo dei Vescovi – potrà rivedere il suo modello educativo recuperando l’impegno per la formazione delle coscienze delle giovani generazioni attraverso i valori della Costituzione e dell’impegno politico-sociale sul quale si gioca il futuro del nostro Paese.

Così Giuseppe Dossetti esortava i giovani a conoscere la Costituzione: “Cercate quindi di conoscerla, di comprendere in profondità i suoi princìpi fondanti, e quindi di farvela amica e compagna di strada. Essa, con le revisioni possibili ed opportune, può garantirvi effettivamente tutti i diritti e tutte le libertà a cui potete ragionevolmente aspirare; vi sarà presidio sicuro, nel vostro futuro”.


About Roberto Oliva

Laureato in Beni culturali presso l’Università della Calabria, studente di teologia presso la PFTIM-Catanzaro. Cura un blog su papaboys.org e collabora con Korazym.org e Il Sismografo. Per Infopinione redige la rubrica Dio nella città.

Check Also

Scalea, qualcuno ha tentato di incendiare l’auto di un consigliere comunale

Danneggiata dalle fiamme un veicolo della famiglia di Giuseppe Angona. Il sindaco Giacomo Perrotta: “Atto …