Home / CRONACA / Omicidio Vommaro, confermati 12 anni di carcere per Garritano

Omicidio Vommaro, confermati 12 anni di carcere per Garritano


Il Gup ha confermato la sentenza di primo grado. Il procedimento è tornato a Paola limitatamente alla parziale incapacità dell’imputato impugnata dalla Cassazione

PAOLA – Omicidio Vommaro, il giudice per le udienze preliminari Rosamaria Misiti ha confermato i 12 anni di carcere per Franco Garritano.

Il processo – ricordiamo – è tornato a Paola dopo essere approdato in Cassazione. Gli ermellini avevano chiesto di motivare a riguardo della parziale incapacità di intendere e volere dell’imputato.

La prima sentenza per rito abbreviato risalente al 2016 era stata impugnata dai giudici della capitale limitatamente all’applicazione dell’articolo 89: vizio parziale di mente.

Il procedimento è quindi tornato in tribunale dove parti civili e pubblico ministero hanno chiesto 18 anni di condanna e il non riconoscimento della parziale incapacità decretata dal perito del giudice, il professore Crisci.

Il giudice, dopo aver rinviato l’udienza disponendo l’audizione di Crisci, ieri ha constatato che lo stesso consulente non avrebbe più potuto deporre per gravi motivi di salute.

Ha quindi invitato le parti a discutere e confermato la sentenza di primo grado. Sentenza che andrà in ogni caso motivata diversamente (tra 45 giorni) in merito alla diminuente dell’incapacità.

A Franco Garritano, accusato di omicidio volontario e occultamento di cadavere, dopo le perizie psichiatriche dei consulenti tecnici, era stato diagnosticato un disturbo di personalità grazie al quale gli è stata riconosciuta la parziale infermità mentale ed il conseguente sconto di pena. Il pm aveva chiesto inizialmente l’ergastolo.

paola tribunale
Il tribunale di Paola

2014: L’omicidio di Maria Vommaro

Franco Garritano ha ucciso Maria Vommaro, la donna con la quale conviveva, il 6 ottobre 2014.

Ha poi preso il cadavere e lo ha occultato nella sua autovettura. Si è dato subito dopo alla fuga rendendosi irreperibile. Si era nascosto nei boschi dell’Appennino Paolano, cibandosi di erba e di bacche.

Una lunga fuga senza pressoché nessun contatto. I carabinieri della stazione di Fiumefreddo agli ordini di Mimmo Lio che non avevano però mai smesso di cercarlo lo hanno beccato dopo circa un mese dopo aver battuto ogni centimetro di quella catena lussureggiante e fitta.

L’autopsia ha chiarito che Maria Vommaro sarebbe morta per i colpi ricevuti alla testa e non a causa di una caduta.

Il fattore della spinta era invece stato sostenuto da Garritano. Ma poi le sue testimonianze sono state tutte smontate dagli esiti autoptici.

I figli della donna sono stati rappresentati dagli avvocati Massimo Zicarelli e Patrizia Longo, mentre Garritano dall’avvocato Francesco Sapone.


About Francesco Maria Storino

Attualmente collaboratore della Gazzetta del Sud ha lavorato per La Provincia, Comunità 2000, Edizioni master, Il Quotidiano della Calabria e Corriere dello Sport. Cura particolarmente la cronaca giudiziaria.

Check Also

“Tra Terra e Mare”: sul tavolo i temi ambientali

A Scalea convegno il 21 novembre: dall’educazione nelle scuole ai cambiamenti climatici fino alla sicurezza …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright