Home / CRONACA / Scalea, licenziato operaio ditta rifiuti: rubava carburante

Scalea, licenziato operaio ditta rifiuti: rubava carburante


Lo rende noto la ditta affidataria del servizio che ha scoperto la condotta del dipendente grazie a una investigazione privata.


Un dipendente della ditta che a Scalea si occupa dei rifiuti è stato licenziato perché sorpreso a rubare gasolio dai veicoli aziendali.

È la stessa ditta a renderlo noto in un comunicato stampa nel quale chiarisce le circostanze emerse dall’operato di una agenzia investigativa.

“Abbiamo provveduto – fa sapere – al licenziamento disciplinare in tronco di un lavoratore per giusta causa nel cantiere di Scalea.

Il provvedimento si è reso necessario dopo aver riscontrato, mediante l’attività investigativa affidata a un’agenzia specializzata, che il dipendente prelevava litri di gasolio da un automezzo di servizio i cui consumi, dai controlli effettuati, risultavano eccessivi, tali da nutrire i primi sospetti.

Il fascicolo è stato trasmesso all’autorità giudiziaria di competenza. I responsabili del cantiere, previe verifiche che scongiuravano qualsivoglia avaria meccanica, avviavano un accurato monitoraggio dei consumi riferiti al mezzo, constatando ammanchi di carburante che avevano luogo con frequenza pressoché settimanale.

A questo punto – prosegue il resoconto -, al fine di verificare l’eventuale commissione di condotte fraudolente e individuare gli autori, la società dava mandato all’agenzia investigativa la quale successivamente forniva la relazione dell’attività espletata.

Dalle risultanze e dalla visione del materiale video e fotografico, sono stati riscontrati gli episodi contestati al lavoratore che non lasciano spazio a dubbi, circa la condotta fraudolenta commessa, con particolare riferimento al furto e alla appropriazione indebita del carburante aziendale.

La gravità di tale comportamento ha compromesso irrimediabilmente il rapporto di fiducia e di diligenza tra le parti, elementi cardini previsti dagli obblighi contrattuali.

Si è proceduto, dunque, al recesso immediato senza alcun preavviso essendo in presenza di una condotta perseguibile penalmente e civilmente.

L’azienda ha l’obbligo di tutelare la sua immagine ed integrità morale di tutto lo staff – conclude la nota – e di salvaguardare il proprio patrimonio dei beni al fine di scongiurare un danno economico”.


About Redazione

Tutti gli articoli frutto delle richieste di diffusione di comunicati stampa sono curati dalla Redazione di www.infopinione.it. Mail to: redazione@infopinione.it

Check Also

Belvedere Marittimo, la coca nascosta nel muro: arrestato 28enne

Obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria per il giovane accusato di detenzione a fini di …

error: Materiale protetto da copyright