Home / CRONACA / VIDEONOTIZIA | Maratea, mareggiata: le onde invadono il Porto

VIDEONOTIZIA | Maratea, mareggiata: le onde invadono il Porto

La mareggiata di queste ore ha nuovamente provocato disagi nel Porto di Maratea. Imprese di Pesca chiede interventi immediati.


Onde troppo alte e il mare si riversa all’interno del bacino del Porto turistico di Maratea.

Nella notte appena trascorsa Maratea è stata interessata da una violenta mareggiata ed è successo ancora, come testimonia un video inviato in redazione da un nostro lettore, oltre che uno degli imprenditori della pesca per i quali l’approdo marateoto è rifugio per il proprio peschereccio.

Come mostrano le immagini, le onde si infrangono sul braccio di protezione dell’infrastruttura, costituito da tetrapodi ammassati a ridosso del muro in cemento armato. Ma l’opera di frangiflutti è parziale e l’acqua del mare finisce per riversarsi all’interno, finendo sulla banchina.

Un evento simile si era verificato anche nel 2019 (guarda qui). Quanto successo nella notte scorsa ha a che fare con una condizione meteo-marina molto particolare, con allerta meteo alta, ma pone nuovamente l’attenzione sulle opere che da tempo vengono chieste, in particolare proprio per la protezione del molo Nord. Ovvero, quello più esposto alla furia del mare e destinato alla marineria locale.

SEGUI INFOPINIONE SU GOOGLE NEWS

Anche questa mattina le Imprese di pesca di Maratea intervengono in merito, chiedendo alla Regione Basilicata, al Prefetto di Potenza e alla Capitaneria di Porto un tavolo per la sicurezza.

“Non siamo più in grado di sostenere i rischi e di rispettare i criteri di sicurezza per la nostra incolumità – dice il portavoce Manuel Chiappetta -.

Il Prefetto si faccia carico dell’organizzazione di un tavolo tecnico per sicurezza portuale, che possa indirizzare la Regione Basilicata, quale ente gestore dell’infrastruttura, ad attivarsi immediatamente per intervenire in somma urgenza.

Lo diciamo da anni: si deve immediatamente mobilitare un’azienda di costruzione di opere portuali, ci aspettiamo l’intervento di un pontone che cominci a posizionare i tetrapodi”.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

san nicola arcella arcomagno turisti

Tutela dell’Arcomagno di San Nicola Arcella, il sindaco Madeo sbotta

“Sulla proposta di legge per la tutela dell’Arcomagno non abbiamo ricevuto risposte da nessuno. Pazienza, …