Home / CRONACA / Tortora, moria di pesci nel fiume Noce

Tortora, moria di pesci nel fiume Noce


Moria di pesci nel fiume Noce: si ripete un fenomeno increscioso. A notarlo alcuni pescatori nei pressi della foce. Mentre ci si interroga sulle cause. Tra le ipotesi la presenza di scarichi di depuratori comunali e privati lungo il corso d’acqua. Sotto accusa anche gli accessi liberi alle sponde.


TORTORA – L’avvistamento di pesci morti alla foce del fiume Noce, riaccende l’attenzione sul rapporto tra ambiente e uomo e, con essa, le polemiche che ne seguono.

Alla foce del fiume Noce è possibile trovare una piccola comunità di appassionati della pratica sportiva della pesca che quotidianamente si ritrovano in questo tratto della costa tirrenica. Sono stati loro ad avvistare, pochi giorni fa, il piccolo banco di pesci senza vita galleggianti nello specchio d’acqua antistante la foce.

Cosa dicono i pescatori del fiume Noce?

Intervistati, riferiscono non trattarsi del primo caso di avvistamento di pesci morti e domandando la loro opinione sulle probabili cause, ne snocciolano diverse. Il Noce è un fiume di una certa portata, e la sua estensione fa si che, nel suo corso, attraversi diversi paesi.

“Quasi tutti questi comuni – fanno notare – riversano in esso le risultanze dei depuratori e i pesci morti avvistati erano per lo più esemplari di pesci da fiume”.

Ma gli appassionati di pesca della foce ricordano anche un episodio di qualche anno fa quando un’identica moria di pesci venne accostata al malfunzionamento di un depuratore di liquami speciali sito in località  San Sago, nei pressi del Noce. In seguito l’impianto venne posto sotto sequestro dalla Guardia di Finanza nell’ambito dell’operazione Econox.

“Potrebbe essere anche quello il problema – sostengono – ma da quello che ne sappiamo, dopo il sequestro e la riapertura, i controlli a quel depuratore si sono intensificati. Di certo il territorio del Noce andrebbe meglio controllato da tutti i comuni interessati perché sono molti i punti di accesso agli argini e di notte è facile anche per autocarri andare a sversare qualsiasi cosa nel fiume”.

Quest’estate si è svolta a Praia a Mare una conferenza dei servizi tra i sindaci e le forze dell’ordine dei paesi interessati per individuare le cause dell’acqua sporca del mare. Tra le varie proposte venne avanzata quella di istituire un maggiore controllo sul corso del Noce ma, ad oggi, non sono stati presi provvedimenti in merito. In quell’occasione venne sostenuto il principio che i giusti e necessari provvedimenti andavano presi nei mesi invernali e non in piena stagione estiva.

Oggi allora appare il momento necessario per espletare serie e concrete politiche di intervento.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Polizze online: ecco le migliori assicurazioni sulla casa del momento

Garantire la salvaguardia dell’ambiente domestico è fondamentale per beneficiare della massima sicurezza e assicurare il …

4 comments

  1. un triste ritorno al passato………caro andrea non è la prima volta…è un film già visto….ieri Tortora su tutta la stampa regionale veniva citata..solo per gravissime notizie….di inquinamento…moria di pesci..denuncia a piede libero del Ddell’impianto del depuratore di Falconara….pensa l’uomo è accusato di aver smaltito in modo illecito i fanghi prodotti dal depuratore..mi sorprende che qualche op. turistico dove cita che l’estate  sta per arrivare…chissà cosa si è fatto da settembre ad oggi?dico solo che qualche mese fa si è svolto un incontro al comune dove si parlava di depurazione ma come sempre accade erano quasi tutti assenti….io spero che l’assessore alla sanità dopo queste brutte notizie si dimetta dall’incarico.

  2. sono d’accordo per la delegazione, e credo vada costituita al più tardi per inizio settimana prossima. Inoltre secondo me la stessa richiesta deve essere contestualmente inoltrata sia al sindaco di tortora che a quello di praia (viste la conferenze di servizi fatte mesi addietro).
    serriamo le fila, il problema è serio e l’estate alle porte!
    PS: gesto’, nn ti preoccupà, che o zappatore nun s’a scorda a mamma soia!!!

  3. Ciao Caludio. Se si costituisse una delegazione, ne farei volentieri parte. Sul fatto che bisogna operare, ed avere l’acqua pulita, anche di inverno credo siamo tutti d’accordo. forse dovremmo chiedere più controllo alle autorità preposte.

  4. Buonasera a tutti, ciao Andrea. Questo è un vero problema. Speriamo che si risolva presto. La Guardia Costiera sta effettuando delle ricognizioni con l’ausilio di sommozzatori per venire a capo del problema e non essere costretti a parlarne durante la stagione estiva. Comunque è nostro diritto che l’acqua del mare sia pura per tutto l’anno…..e, a proposito di questo, vorrei chiedere e possibilmente sapere se i lavori della famosa seconda vasca del depuratore sono iniziati, naturalmente lo farò anch’io ma se fosse una delegazione a porre la domanda al Sindaco sarebbe meglio.
    claudio