Home / CRONACA / Processo Marlane, chiesti 62 anni di carcere

Processo Marlane, chiesti 62 anni di carcere


GS_inside_arPAOLA – Nell’ambito del processo Marlane, nell’udienza di sabato 20 settembre, sono arrivate le richieste di condanna e le assoluzioni per gli imputati nell’ambito del procedimento per le morti bianche tra gli operai e l’inquinamento dell’ex area industriale di Praia a Mare.


Dopo le requisitorie, i PM Sonia Gambassi e Maria Camodeca hanno chiesto le seguenti pene per gli imputati.

Pietro Marzotto (presidente del noto gruppo vicentino dal 1982 al 1998, già conte di Valdagno e presidente dell’Associazione industriali di Vicenza) 6 anni.

Silvano Storer (ex amministratore delegato del gruppo Marzotto) 5 anni.

Jean De Jaegher (consigliere dell’associazione europea delle industrie tessili e presidente della Marzotto Usa dal 1995 al 1998), 5 anni.

Lorenzo Bosetti (ex-sindaco di Valdagno, consigliere delegato e vicepresidente della Lanerossi) 5 anni.

Carlo Lomonaco (ex caporeparto Tintoria Marlane di Praia a Mare e ex sindaco di Praia a Mare) 10 anni.

Vincenzo Benincasa (quadro Marlane Praia a Mare) 8 anni.

Salvatore Cristallino (quadro Marlane Praia a Mare) 3 anni.

Giuseppe Ferrari, 4 anni e sei mesi.

Lamberto Priori, 7 anni e sei mesi.

Ernesto Antonio Favrin (vicepresidente vicario della Confindustria veneta) 5 anni.

Attilio Rausse 3 anni e sei mesi.

Chiesta l’assoluzione per Ivo Comegna per non aver commesso il fatto.

 


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

arresto praticò campi da tennis bar ristorante

Tortora, sabato 4 giugno una giornata dedicata al Tennis

Allo stadio comunale Umberto Nappi un evento sportivo che coinvolge grandi e piccoli a partire …

One comment

  1. è sembre un incubo ricevere una condanna,quindi io non gioisco