Home / COMUNI / Turismo e Imu, sulla costa evasione da 6 milioni di euro

Turismo e Imu, sulla costa evasione da 6 milioni di euro


50 tra alberghi e stabilimenti balneari non avevano versato ai comuni l’Imu dal 2012 al 2015. Evasione da 6 milioni di euro accertata dalla guardia di finanza.

francesco barbir barbiere taglio capelli santa maria del cedro calabria colore acconciature barba

COSENZA – 6milioni di euro di Imposta municipale unica evasi da 50 strutture ricettive del Tirreno cosentino.

Questo l’esito di una serie di accertamenti compiuti dal comando provinciale della guardia di finanza, in particolare dalla tenenza di Scalea. Accertamenti che hanno interessato molti comuni della fascia costiera dove, come è noto, sono concentrate le strutture turistiche oggetto di queste attività ispettive: alberghi e stabilimenti balneari in particolare. In alcuni casi – ci è stato spiegato – per una singola struttura ricettiva l’ammontare evaso di Imu ha raggiunto quota 300mila euro.

L’operazione è stata svolta in collaborazione con le municipalità del territorio alle prese con problemi di cassa per i mancati versamenti dei tributi locali. Focus delle fiamme gialle sull’Imu non corrisposta dal 2012 al 2015 da società riconducibili a immobili della cosiddetta categoria D/2. Ovvero, alberghi e pensioni con fini di lucro.

Scoperti anche edifici che ancora non risultavano accatastati. In questo caso la finanza ha determinato il dovuto attraverso le procedure di calcolo indicate dal Ministero dell’Economia e delle Finanze.

I trasgressori, ora, sono tenuti a versare quanto dovuto con una maggiorazione sanzionatoria del 30percento. I verbali redatti dalle fiamme gialle ora saranno trasmessi ai rispettivi comuni che provvederanno ad istruire le necessarie pratiche. Nessuna delle attività imprenditoriali interessate dall’operazione – ci è stato chiarito – chiuderà l’attività a seguito di questi accertamenti.

L’attività di queste ore della guardia di finanza è da considerarsi il secondo step delle attività ispettive svolte sul corretto assolvimento delle imposte locali. Ad aprile scorso, infatti, con analoga operazione la finanza cosentina aveva portato alla luce un’evasione complessiva di 2milioni di euro nei confronti di 10 attività imprenditoriali prevalentemente operanti nel settore turistico del Tirreno cosentino.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Passeggiate con bimbi, sindaci allarmati: “Non abbassiamo la guardia ora”

Primi cittadini del Tirreno cosentino contro la circolare del Ministero dell’Interno e chiedono alla presidente …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright