Home / COMUNICATI STAMPA / Diamante, polemica sull’Acquario multimediale

Diamante, polemica sull’Acquario multimediale


Il gruppo Per una Diamante migliore raccoglie le segnalazioni dei cittadini circa la chiusura da tempo dell’Acquario multimediale nel Parco La Valva inaugurato ad ottobre. Polemica sollevata e l’amministrazione annuncia la riapertura a breve. Cauteruccio: “Sorveglieremo”.

DIAMANTE – L’acquario multimediale nel parco La Valva di Diamante è rimasto chiuso per alcune settimane e l’amministrazione comunale solo di recente fa sapere che a breve l’attività presso la struttura riprenderà regolarmente.

A sollevare la questione, che ora pare volgere a soluzione, Antonio Cauteruccio, capogruppo di Diamante e Cirella per una Diamante migliore.

“La Giunta Sollazzo prova adesso a mettere una toppa sulla figuraccia, ma va bene così – ha detto –. Apprendo dal sito internet istituzionale del Comune di Diamante che da lunedì 30 Gennaio 2017 l’Acquario multimediale tornerà a rispettare il calendario delle aperture concordato e pubblicizzato sullo stesso sito anche mentre l’acquario era inspiegabilmente chiuso. Lunedì saremo sul posto a verificare ma nel frattempo otteniamo altre due conferme, siamo governati dalla peggiore amministrazione comunale della storia recente, il nostro fiato sul collo serve e funziona. Un’altra piccola vittoria”.

Questa la ricostruzione fornita dal gruppo di minoranza.

“Mi sono recato ieri mattina – informa Cauteruccio – dopo ripetute e numerose segnalazioni pervenutemi, presso l’Acquario multimediale realizzato con fondi Pisl all’interno del Parco del Corvino. È stato avvilente constatare che una struttura costata ai contribuenti ben 740mila euro, dopo la pomposa inaugurazione dell’ottobre scorso, risultava chiusa in un orario e in un giorno in cui tanto sul sito internet istituzionale del Comune di Diamante quanto sulla piattaforma specifica dell’acquario la struttura risultava aperta.

Questo accade già da qualche settimana, stando alle segnalazioni – aggiunge Cauteruccio – e alla documentazione fotografica inviatami da numerosi cittadini. Ricordo che l’acquario multimediale, realizzato con un appalto integrato che ne accorpava la realizzazione alla gestione quinquennale, non è nato sotto i migliori presupposti dal momento che è stato relegato dalla volontà politica dell’amministrazione comunale in un immobile che probabilmente non ha la collocazione giusta e non ha la metratura adeguata ad accogliere il segmento turistico potenzialmente più appetibile per questa tipologia di iniziative, il turismo scolastico.

Abbiamo subito il danno, dopo averlo più volte fatto notare all’assessore Maiolino, ma ora non possiamo tollerare la beffa di vedere chiusa una struttura costata un occhio della testa alla collettività. Ho chiesto ieri pubblicamente l’immediata riapertura dell’Acquario Multimediale, chiederò di conoscere i piani di gestione e di valorizzazione della struttura, chiederò di conoscerne le strategie promozionali in ambito scolastico.

Mi dispiace constatare, come ho già avuto modo di dichiarare ieri, che il sindaco Sollazzo non ha ancora il pieno controllo di tante situazioni, che la politica dei fatti sbandierata nelle ultime settimane dall’assessore ai Lavori pubblici Benvenuto si compone di queste vergognose situazioni, che l’assessore Maiolino è bravissimo a parlare di turismo scolastico ma è meno bravo a valorizzare gli immobili su cui si investono i soldi della collettività”.


About Redazione

Tutti gli articoli frutto delle richieste di diffusione di comunicati stampa sono curati dalla Redazione di www.infopinione.it. Mail to: redazione@infopinione.it

Check Also

Ghost work: Licursi assente per caffè e incontri con una donna

Dal racconto degli inquirenti i particolari della condotta del sindaco di Scalea ai domiciliari per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright