Home / COMUNI / ACQUAPPESA / Operazione Rostrum: sequestri di pesce a Cetraro e Fuscaldo

Operazione Rostrum: sequestri di pesce a Cetraro e Fuscaldo

22mila euro di multe e oltre 300 chilogrammi di pesce sequestrati nel territorio dell’ufficio circondariale marittimo di Cetraro. 5 tonni rossi sono stati dati in beneficienza. Distrutto invece il prodotto ittico sequestrato a venditori ambulanti di Cetraro e Fuscaldo.

aronne pasticceria marcellina santa maria cedro calabria

CETRARO – Multe per 22mila euro e 317 chilogrammi di pesce sequestrati tra Cetraro, Belvedere Marittimo e Belmonte Calabro.

Sono i numeri dell’operazione di livello regionale “Rostrum” nel territorio dell’ufficio circondariale marittimo di di Cetraro.

Tra i sequestri anche cinque tonni rossi, specie tutelata, per un peso di circa 255 chilogrammi. Il pesce è stato dato in beneficenza dopo un’ispezione del veterinario Asp che li ha dichiarati idonei al consumo.

Il prodotto ittico sequestrato a cinque venditori ambulanti di Cetraro e Fuscaldo è stato invece distrutto a tutela del consumatore perché di dubbia provenienza e mal conservato.

“In particolare – riferiscono dal circomare – un venditore ambulante alla vista del personale in divisa ha smontato il proprio banchetto rifiutandosi di sottoporsi al controllo, allontanandosi repentinamente. Allo stesso è stata comunque comminata una sanzione, addirittura maggiore rispetto a quella degli altri ambulanti, per aver creato intralcio all’attività ispettiva”.

tonni rossi sequestrati cetraro
I tonni rossi sequestrati dalla guardia costiera di Cetraro.

I numeri di “Rostrum” in Calabria e Basilicata

Rostrum è un’operazione volta al controllo della filiera della pesca per la tutela degli stock ittici, tutela delle risorse marine e a garanzia dei consumatori.

L’operazione ha coinvolto tutti gli uffici periferici della direzione marittima di Reggio Calabria. Il coordinamento è stato del reparto operativo, 5° centro di controllo area pesca secondo le direttive del direttore marittimo della Calabria e della Lucania, Giancarlo Russo.

“Su tutto il territorio calabrese – si legge in una nota – sono state contestate complessivamente 20 sanzioni amministrative per un importo di 40mila euro. Sequestrati 800 chilogrammi di prodotti ittici.

9 denunce penali per cattivo stato di conservazione dei prodotti alimentari con il sequestro di circa 150 chilogrammi di prodotto ittico, per navigazione oltre i limiti dell’abilitazione e per tentata frode in commercio. 6 sequestri di vari attrezzi da pesca utilizzati illegalmente, di cui circa 2mila metri di palangari e circa 700 metri di reti da posta”.

bigmat fratelli crusco grisolia

About Redazione

Tutti gli articoli frutto delle richieste di diffusione di comunicati stampa sono curati dalla Redazione di www.infopinione.it. Mail to: redazione@infopinione.it

Check Also

Aviospuerficie Scalea

Aviospuerficie di Scalea, Vetere (Patto territoriale): “Perrotta ci convochi”

Il presidente del Patto territoriale Alto Tirreno cosentino a nome dei sindaci chiede chiarimenti sull’Aviosuperficie …

One comment

  1. andrea amendola

    Andate a cacare…. con una minkiara di tonni ke hanno sequestrato. ….vergogna….invece di controllare tutti questi dilettanti ke ne prendono tutti i giorni e li vendono. ….si accaniscono sempre con i pescatori….Italia di merda….vergogna…..