Home / COMUNICATI STAMPA / Sibaritide: denunciati due “furbetti della 104”

Sibaritide: denunciati due “furbetti della 104”


In permesso per assistere parenti disabili sbrigavano faccende private e andavano in tv. Accusati di falsità materiale e truffa ai danni dello Stato.

CASSANO ALLO IONIO – Sfruttavano permessi e congedi, ottenuti per assistere parenti disabili, per sbrigare faccende personali. Andavano anche fuori regione e addirittura partecipavano a spettacoli ed eventi televisivi.

Per rendere più credibile il loro raggiro avevano spostato la propria residenza a casa degli infermi.

Due dipendenti pubblici dello Ionio cosentino sono stati denunciati dalla guardia di finanza alla Procura della Repubblica di Castrovillari. Le accuse sono di falsità materiale e truffa ai danni dello Stato.

I presunti dipendenti infedeli ora rischiano il carcere da 1 a 6 anni, una multa fino a 1549 euro, il procedimento disciplinare dell’ente per cui lavorano e l’obbligo di restituzione dell’indebito percepito.

Ovvero, circa 23 mila euro, per 117 giorni di assenza per permesso e 169 giorni di congedo. Senza contare che l’ente pubblico raggirato ha dovuto sopperire alle loro assenze e che l’Inps è stata chiamata a rimborsare la quota di retribuzione anticipata dal datore di lavoro.

Sulla vicenda ha indagato la compagnia della guardia di finanza di Sibari su delega del procuratore di Castrovillari Eugenio Facciolla e coordinati dal sostituto Antonino Iannotta.

Le fiamme gialle hanno approfondito una periodo di tre anni, dal 2017 ad oggi, per accertare cosa realmente i due dipendenti facessero nei periodi di mancanza dal posto di lavoro.

Come da prassi, li hanno seguiti, fotografati e filmati e hanno intercettato le loro conversazioni telefoniche.


About Redazione

Tutti gli articoli frutto delle richieste di diffusione di comunicati stampa sono curati dalla Redazione di www.infopinione.it. Mail to: redazione@infopinione.it

Check Also

Ghost work: Licursi assente per caffè e incontri con una donna

Dal racconto degli inquirenti i particolari della condotta del sindaco di Scalea ai domiciliari per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright