Home / CRONACA / Maltempo, il Comune di Fuscaldo chiede lo stato di calamità

Maltempo, il Comune di Fuscaldo chiede lo stato di calamità

Il sindaco Giacomo Middea ha richiesto la dichiarazione dello stato di calamità naturale per il territorio fuscaldese, duramente colpito dal maltempo. 

mary ristorante pizzeria santa maria del cedro calabria

Il Comune di Fuscaldo ha chiesto lo stato di calamità naturale. Il maltempo che nelle scorse ore ha colpito l’Alto Tirreno cosentino, ha provocato una serie di danni a strutture e infrastrutture anche sul territorio comunale fuscaldese.

Il sindaco Giacomo Middea ha inviato l’esito dei primi sopralluoghi al Presidente della Regione Calabria Roberto Occhiuto e, per conoscenza, alla Protezione civile ed alla Prefettura di Cosenza, e ha richiesto la dichiarazione dello stato di calamità naturale per il territorio fuscaldese. 

SEGUI INFOPINIONE SU GOOGLE NEWS

“Oggi, tutto il nostro territorio è stato assoggettato a fenomeni di piogge intense, che hanno portato all’esondazione di alcuni torrenti, causando l’intralcio ed addirittura l’interruzione della pubblica viabilità comunale e provinciale in più punti” si legge nella lettera del primo cittadino Middea, firmata anche dal responsabile del settore lavori pubblici ed urbanistica, l’ingegnere Paola Di Stio, e dal responsabile della Protezione civile comunale, l’ingegnere Agostino Scofano.

“Durante i sopralluoghi d’urgenza – continua la nota – sono stati accertati una serie di danneggiamenti alle infrastrutture ed alle strutture comunali, oltre a smottamenti e frane che hanno interessato le sedi stradalicomunali e provinciali. In aggiunta, a seguito dell’avvenuta constatazione dello stato dei luoghi e delle cose, stante la grave situazione di emergenza in atto, per tramite del Centro operativo comunale di Protezione civile, abbiamo attivato e coordinato, nell’immediato, i dovuti interventi finalizzati alla messa in sicurezza della viabilità, delle infrastrutture e delle strutture comunali, sia al ripristino della percorribilità della pubblica viabilità.

C’è però da sottolineare, che numerose attività commerciali ed alloggi di civili abitazioni, ubicati al piano terra e seminterrati, sono state invase da acque, fango e detriti. Infine, per completare l’iter ricognitivo dello stato dei luoghi, con ordinanza sindacale abbiamo disposto la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado, nonché si è ordinato, a tutti i cittadini, di non avvicinarsi e sostare nei pressi di corsi d’acqua, torrenti, sottopassi, di parchi, giardini e alberi e in tutte le zone che dovessero apparire pericolose.

SEGUI INFOPINIONE SU TELEGRAM

La conta dei danni – conclude la nota – subita sia dal pubblico, che dai privati, non è ancora finita, ma è evidente che, per tutto quanto si è registrato e per ciò che abbiamo subito, non si può non chiedere, alla Giunta regionale della Calabria, di deliberare, per il nostro Comune, lo stato di calamità naturale. Confidiamo in un’attenzione di cui, in questo momento, tutta la nostra comunità ha bisogno”. 


About Pierina Ferraguto

Giornalista pubblicista dal 2013. Laureata in Filosofia e scienze della comunicazione e della conoscenza all'Università della Calabria. Dal 2006 al 2008 lavora come stagista nella redazione di Legnano de Il Giorno. In Calabria lavora con testate regionali di carta stampata e televisive.

Check Also

achille ordine sindaco diamante giunta

Diamante, il sindaco Ordine ha nominato la Giunta e il vicesindaco

Il neoeletto sindaco del Comune di Diamante Achille Ordine ha nominato con proprio decreto la …